Venom: recensione e curiosità del film con Tom Hardy

Condividi

Ha debuttato nei cinema italiani Venom, primo spin-off di Spider-Man prodotto da Sony, diretto da Ruben Fleischer (Benvenuti a Zombieland) e interpretata da Tom Hardy, Michelle Williams, Riz Ahmed e Jenny Slate.

Cast e personaggi

Tom Hardy: Eddie Brock / Venom / voce italiana di Adriano Giannini
Michelle Williams: Anne Weying
Riz Ahmed: dott. Carlton Drake / Riot
Jenny Slate: dott.ssa Dora Skirth
Michelle Lee: Donna Diego
Mac Brandt: Jack il barista
Scott Haze: Roland Treece
Sope Aluko: dott. Rosie Collins
Woody Harrelson: Cletus Kasady / Carnage
Reid Scott: dott. Dan Lewis

La trama

 

Il reporter Eddie Bock (Tom Hardy) ha la pessima idea di mettersi contro il magnate Carlton Drake (Riz Ahmed) a capo della Life Foundation, ossessionato dall’idea di creare un ibrido uamno alieno che possa garantire la perpetuazione del genere umano, secondo Drake sull’orlo dell’estinzione. Il ritrovamento nello spazio di organismi alieni, denominati simbionti, spingerà Drake a sperimentazioni non autorizzate su esseri umani per poter trovare un organismo in grado di ospitare questa nuova specie aliena. Brock che nel frattempo ha perso lavoro e fidanzata non molla la presa e decide di intrufolarsi nei laboratori della Life Foundation dove avrà un incontro ravvicinato con uno dei simbionti che troverà in Brock l’ospite ideale. Dopo la “fusione” Brock inizierà a mutare in Venom, combattuto tra il bisogno disperato di liberarsi dal brutale parassita alieno che lo ha infettato e la tentazione di sfruttare quell’enorme letale potere per fare giustizia e prendersi una rivincita su Drake.

 

La nostra recensione

 

I fan di “Venom” attendevano da molto tempo che il simbionte Marvel approdasse sul grande schermo in un film da solista, e bisogna ammettere che le premesse per un grande film c’erano tutte: un antieroe tra i più brutali di sempre creato da David Michelinie e il Todd McFarlane dell’iconico “Spawn”, un regista, Ruben Fleischer, che ci ha regalato un gioiellino come la comedy-horror Benevenuti a Zombieland e un protagonista, il talentuoso Tom Hardy, al suo secondo cinecomic dopo il ruolo di Bane in Il cavaliere oscuro: Il ritorno.

Tutta questa magnifica premessa si è sciolta come neve al sole di fronte a quello che è apparso da subito come un confusionario e fracassone “action” con nell’ordine: un protagonista perennemente sopra le righe e fuori parte, cercare di far passare un tipo come Tom Hardy come un pavido è a dir poco risibile; un reiterare un umorismo forzato e gag imbarazzanti che strizzano l’occhio allo Spider-Man: Homecoming dell’Universo Cinematografico Marvel, anche se si era premesso a più riprese che “Venom” non è collegato in alcun modo ai film di Marvel Studios; il cassare tutta la parte prettamente horror del materiale originale, tagliata per poter abbassare il divieto ai minori del film e portare in sala anche una platea di adolescenti, scelta quest’ultima che ha un senso se parliamo di Spider-Man, ma che diventa un suicidio se si finisce per trasformare Venom in una sorta di The Mask con Tom Hardy al posto di Jim Carrey (ci sono anche la bionda e il cagnolino posseduto).

In “Venom” non sembra funzionare proprio nulla, dall’antagonista più ameno mai visto sul grande schermo, il volenteroso Riz Ahmed non ha il carisma necessario a dare corpo e anima ad un villain credibile, agli effetti visivi da videogame realizzati in toto in CG senza l’ausilio della motion-capture, che sembra non si adattasse bene a livello pratico alla figura del simbionte, una mancanza quest’ultima che però toglie quel tocco di realismo che forse avrebbe reso Venom e Riot meno posticci e più credibili, in special mondo nel confronto finale in cui ad un certo punto si perde completamente la trebisonda in un delirio “melting” che grida vendetta.

I cameo dell’immancabile Stan Lee, papà di Spider-Man, e quello di Woody Harrelson nei panni di Cletus Kasady alias Carnage, che sembra fare la parodia di Hannibal Lecter nella scena sui titoli di coda, non fanno che aumentare a dismisura il senso di frustrazione per aver preso un personaggio tanto iconico e averlo letteralmente trasformato in un videogame o peggio in un cartone animato per ragazzini, qualcosa di davvero inaccettabile al pari del pessimo Lanterna Verde di Ryan Reynolds.

 

Data di Uscita: Al cinema dal 4 ottobre 2018

 

Curiosità

  • Venom è il primo film del Marvel Universe targato Sony in cui la Marvel non è coinvolta, Il film non fa parte dell’Universo Cinematografico Marvel.
  • Il figlio di Tom Hardy, Louis Thomas Hardy, è un fan di Venom, e Hardy ha accettato il ruolo anche per far piacere al figlio: “Volevo fare qualcosa che mio figlio potesse guardare, così ho fatto qualcosa dove mordo le teste della gente”. Louis ha anche fornito consigli a suo padre su come rappresentare appropriatamente Brock / Venom, dal momento che Hardy non conosceva molto bene il personaggio.
  • Oltre ad interpretare Eddie Brock, Tom Hardy ha anche fornito la voce e le movenze per diverse scene di Venom.
  • Originariamente il film diveva uscire con un divieto ai minori di 17 anni (rating R), in seguito al successo dei film di Deadpool e Logan. I dirigenti di Sony però hanno poi deciso di ridurlo a un divieto ai minori di 13 anni (PG-13), per eventuali potenziali futuri legami con l’UCM di Spider-Man.
  • Tom Hardy descrive Venom come un clown tragico: “C’è qualcosa di divertente nelle circostanze di avere un dono tragico. E’ un superpotere che non vuoi veramente, ma allo stesso tempo lo ami, ti fa sentire speciale. Un eroe riluttante e un antieroe”.
  • Tom Hardy ha registrato le sue battute per il simbionte Venom durante la pre-produzione, e sono state riprodotte all’attore attraverso un auricolare sul set durante le scene in cui Brock e il simbionte parlano tra loro.
  • I realizzatori citano i film dei registi horror John Carpenter e David Cronenberg come influenze sul film, così come le comedy-horror Un lupo mannaro americano a Londra (1981) e Ghostbusters – Acchiappafantasmi (1984).
  • Venom è noto per aver avuto uno sviluppo piuttosto travagliato. Il film è stato originariamente concepito come uno spin-off diretto di Spider-Man 3 (2007), anche se l’attore Topher Grace non avrebbe ripreso il ruolo di Eddie Brock. Poco dopo il riavvio del franchise, il film è stato annunciato ancora una volta, anche se questa volta nella continuità della serie “The Amazing Spider-Man” di Marc Webb. Chris Zylka ha espresso interesse ad interpretare Flash Thompson, che in quel momento era l’Agente Venom nei fumetti. Una volta uscito The Amazing Spider-Man 2 – Il potere di Electro (2014), Sony ha annunciato “Venom: Carnage” che sarebbe stato parte del loro universo cinematografico di Spider-Man. Poco dopo, Sony e Marvel hanno deciso di collaborare per il franchise Spider-Man, optando per un reboot e mettendo in stand-by lo spin-off di Venom.
  • Nei fumetti Marvel ci sono un totale di 21 simbionti, Venom incluso. I nomi degli altri 20 simbionti sono, nell’ordine della loro prima apparizione nei fumetti: Carnage (The Amazing Spider-Man #361), Scream (Venom: Protettore Letale #4), Hybrid (Venom: Along came a spider #1), Riot (Venom: Protettore Letale #4), Phage (Venom: Protettore Letale #4), Toxin (Venom vs. Carnage #2), Lasher (Venom: Protettore Letale #4), Dreadface (Fantastici Quattro #360), Agony (Venom: Protettore Letale #4), Krobaa (Venom: Seed of Darkness #1), Payback (True Believers limited series), ZZZXX (X-Men: Kingbreaker #2), Scorn (Carnage #5), All-Black The Necrosword (Thor: God of Thunder #2), Mania (Venom #31), Marcus (Deadpool: The Gauntlet #8), Endo-Sym Armor (Superior Iron Man #1), Agent of the Cosmos (Guardians of the Galaxy #23), Karl Malus (Captain America: Sam Wilson #3), Raze (Carnage #10), The Grendel Symbiotes (Venom Vol. 4 #2), Knull (Venom: Vol. 4 #3), Sleeper (Venom: First Host #3) e Anti-venom (The Amazing Spider-Man #569)
  • Jackie Earle Haley, ch e ha interpreato Rorschach in Watchmen, ha espresso interesse a interpretare il ruolo di Carnage.
  • Si era ipotizzato che l’horror fantascientifico Life: Non oltrepassare il limite (2017) fosse in realtà un prequel segreto di questo film, in quanto i trailer dei due film condividevano alcuni filmati di repertorio, anche se quella voce è stata in seguito non completamente smentita,  ma ridimensionata (leggi QUI).
  • Jameson, l’astronauta sopravvissuto allo schianto nella sequenza di apertura, è il figlio di Jonah Jameson, il direttore del Daily Bugle e “avversario” di Spider-Man.
  • Tom Hardy cita The Ren & Stimpy Show (1991) come fonte d’ispirazione per la relazione tra Eddie Brock e Venom. Trattasi di un cartone animato che vede protagonisti un chihuahua nevrotico e mentalmente instabile e un gatto grasso e tonto, Hardy sulla relazione tra Brock e Venom ha detto: “Ho sempre visto Venom come un cascamorto da strapazzo, e Eddie Brock come un tizio normale che ha ereditato questa enorme e bestiale ego”.
  • Sony ha considerato Finn Wittrock per il ruolo di Venom e Alan Tudyk per quello di Carnage.
  • Tom Hardy (Eddie Brock / Venom) ha recitato nel ruolo di Bane in Il cavaliere oscuro – Il ritorno (2012). Nei fumetti Bane assume un siero denomnato “Venom” per ottenere una forza sovrumana.
  • Il cast del film comprende tre nominati all’Oscar: Tom Hardy, Michelle Williams e Woody Harrelson.
  • Questo è il primo film di supereroi per Michelle Williams. Alla domanda sul perché volesse far parte di questo film, l’attrice ha detto: “Mi piace sempre fare cose che non ho mai fatto prima, generi, ruoli. Mi piace una sfida, e una di queste sfide è stata quella di entrare in un mondo”.
  • Nel giugno 2017, il produttore della Marvel Kevin Feige ha confermato che il film non sarebbe stato ambientato nell’Universo Cinematografico Marvel. Tuttavia la co-produttrice Amy Pascal in seguito ha contraddetto questa dichiarazione non escludendo una possibile connessione futura. In seguito è stato annunciato che Venom è ambientato in un universo a sé stante.
  • Walton Goggins, Jim Carrey e Cameron Monaghan sono stati in pole position per il ruolo di Carnage.
  • Oltre a Riz Ahmed, per il ruolo di Carlton Drake / Riot sono stati in lizza: Matt Smith, Pedro Pascal e Matthias Schoenaerts.
  • La data di uscita originale poi posticipata avrebbe portato il film nelle sale in concomitanza con il 30° anniversario del debutto di Venom nei fumetti (Maggio1988).
  • Tom Hardy ha basato la sua interpretazione di Eddie Brock / Venom su tre persone: Woody Allen (“la tormentata nevrosi e tutto l’umorismo che può derivarne”), il combattente di arti marziali irlandese Conor McGregor (“il gusto e la capacità per l’iperviolenza”) e Redman (“fuori controllo e con un pensiero fisso”).
  • In origine Tom Hardy stava per ritrarre Venom con l’ausion di effetti visivi e motion-capture, ma quel piano è stato scartato perché i tratti del viso non potevano essere imitati: “Occhi, denti e lingua non avrebbero combaciato con i suoi, e avrei avuto bisogno di un giocatore di basket  di oltre due metri in una tuta di lycra per le riprese delle scene d’azione”. Venom nel film è realizzato completamente in CG. Tuttavia Tom Hardy si è esibito come Venom davanti alla macchina da presa nei panni di Brock, sul quale Venom è stato poi animato in key-frame per abbinare i movimenti e le scene di stunt di Hardy.
  • Topher Grace, che ha interpretato Eddie Brock / Venom in Spider-Man 3 (2007), ha elogiato la performance di Tom Hardy come Venom.
  • Tra i numerosi attori che sono stati richiesti dai fan per interpretare “Carnage” (Jim Carrey, Michael C. Hall e Michael Fassbender), Cameron Monaghan è stato l’unico ad aver espresso grande interesse nell’interpretare il ruolo. Monaghan è noto per aver interpretato il ruolo di  “Jerome” nella serie tv Gotham.
  • Tom Hardy cita il cantante James Brown come un’influenza sulla voce di Venom.
  • Alex Kurtzman e Dante Harper erano stati originariamente designati rispettivamente per dirigere e scrivere il film.
  • Il personaggio di Jenny Slate, Dora Skirth, è un personaggio originale creato appositamente per il film.
  • Il poster ufficiale del film è stato progettato in modo simile ad uno dei poster di Spider-Man 2 (2004). In entrambi i poster l’immagine presenta il volto del personaggio principale parzialmente coperto da parte del suo costume.
  • Nei fumetti, Eddie Brock è alto 1,90 m e ha i capelli biondo fragola. Tom Hardy, che interpreta Eddie Brock nel film, è alto 1,75 m e ha i capelli castano scuro.
  • Stephen Farrelly e Kellan Lutz volevano interpretare Venom.
  • Gary Ross (Hunger Games) era in trattative per dirigere il film.
  • Carlton Drake (Riz Ahmed) è più giovane della sua controparte a fumetti. Inoltre nei fumetti non era l’ospite originale del simbionte Riot.
  • I realizzatori citano le trame dei fumetti di Venom: “Protettore Letale” (Venom diventa un eroe e vigilante di San Francisco) e “Planet of the Symbiotes” (la Terra è invasa da un esercito di simbionti) come fonti d’ispirazione per la trama del film.
  • Ann Weying (Michelle Williams) usa brevemente il simbionte Venom per salvare Eddie. Questo è un omaggio ai fumetti, quando Weying indossò per un breve periodo il simbionte nei fumetti sotto il nome di She-Venom.
  • Nei fumetti, il simbionte Venom era inizialmente collegato a Spider-Man (Peter Parker) durante l’evento “Secret Wars” del 1984. Quando realizzò che il suo costume era vivo e stava controllando il suo corpo, lo eliminò. In seguito sarebbe entrato in contatto con Eddie Brock, e i due si sarebbero uniti per formare Venom. Questo film omette la parte di Spider-Man nell’origine di Venom a causa del fatto che Sony / Columbia ha venduto i diritti di Spider-Man ai Marvel Studios (con seguenti apparizioni in “Capitain America: Civil War”, “Spider-Man: Homecoming” e “Avengers: Infinity War”). Invece il film utilizza la Life Foundation dei fumetti originali per le sperimentazioni con i simbionti. Anche Venom non ha elementi di design che riconducano a Spider-Man, ma usa un logo unico.
  • Le musiche originali del film sono del compositore svedese Ludwig Göransson (Black Panther, Il giustiziere della notte). Göransson torna a collaborare con il regista Ruben Fleischer dopo aver musicato 30 Minutes or Less (2011).
  • La colonna sonora include il singolo “Venom” di Eminem che potete ascoltare nel video a seguire.

 

 


Condividi

3 comments on “Venom: recensione e curiosità del film con Tom Hardy

  1. Pingback: Wrong Turn: annunciato un remake dell'horror prodotto da Stan Winston

  2. Pingback: Stan Lee è morto: addio alla leggenda Marvel scomparso a 95 anni

  3. Pingback: Stan Lee prima della sua morte ha creato un nuovo supereroe con la figlia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *