The Living Dead: completato il romanzo horror postumo di George Romero

Condividi

Sono trascorsi due anni da quando abbiamo perso la leggenda dell’horror George Romero, l’uomo dietro a classici come La notte dei morti viventi, colui che ha dato vita al moderno genere zombie. Dopo la sua morte si è scoperto che il regista aveva molti progetti in corso d’opera che purtroppo non non era riuscito a completare, tra questi The Living Dead, un romanzo ambientato nello stesso universo della sua serie di film sull’apocalisse zombie, che ora apprendiamo essere stato completato e in uscita l’anno prossimo.

Daniel Kraus, autore di La forma dell’acqua e Trollhunters, è stato incaricato di completare il romanzo rimasto incompiuto dopo la morte di Romero, con la benedizione della moglie e della società che si occupa dell’eredità del regista. Kraus ha recentemente scritto su Twitter per rivelare che ha davvero completato “The Living Dead”, che arriverà nelle librerie edito da Tor Books nel 2020.

 

Ho completato The Living Dead, l’enorme epopea di zombie che ho scritto insieme a George A. Romero. Mentre scrivevo indossavo la sciarpa di George, un regalo di sua moglie (giugno 2020 da Tor Books).

 

Il tweet è stato condiviso con un’immagine di Daniel Kraus che indossa la sciarpa in questione. Per quanto riguarda il romanzo, differirà un po’ dai film sui “morti viventi” del regista. Anche se George Romero era molto rispettato tra gli amanti dell’horror e i cineasti, non ha mai avuto grandi budget per realizzare i suoi film, il che ha portato a molte restrizioni ogni volta che il regista filmava un nuovo progetto. Come Kraus ha spiegato in un’intervista, questo libro ha una portata enorme e consentirà cose che non sarebbero mai state possibili nei film di Romero, date le limitazioni finanziarie.

 

Ciò che è eccitante per il romanzo, però, è come va nella direzione opposta. È enorme. È una storia su vasta scala, una vera epopea, del tipo che nessuno gli avrebbe mai dato il budget necessario per farne un film. In un libro, ovviamente, non c’è budget, e nelle sue pagine puoi sentire la sua gioia di poter finalmente fare ogni singola cosa che desiderava.

 

“The Living Dead” è distribuito su tre diversi periodi di tempo e si svolge in tre luoghi diversi; un parcheggio roulotte, un sottomarino nucleare e un bunker a Washington. Daniel Kraus, da parte sua, ha detto in passato che George Romero è la ragione per cui è uno scrittore e la ragione per cui si è interessato all’arte. Kraus è stato scelto dal manager di Romero, Chris Roe, e da sua moglie, Suzanne Desrocher Romero, per completare il romanzo, su cui Romero aveva lavorato per oltre un decennio. Questo è solo uno dei tanti progetti di George Romero che saranno completati dopo la sua morte. Il regista ha lasciato dietro di sé molte sceneggiature che potrebbero essere prodotte, e recentemente è stato annunciato che è in sviluppo anche un sequel ufficiale de “La notte dei morti viventi”.

 

 

 

Fonte: Screenant

 

 

 

 


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *