The Equalizer 2: recensione e curiosità del film con Denzel Washington

Condividi

Ha debuttato nei cinema italiani The Equalizer 2 – Senza Perdono. Leggi la recensione del sequel diretto da Antoine Fuqua (The Equalizer – Il vendicatore) e interpretato da Denzel Washington, Pedro Pascal, Bill Pullman e Melissa Leo.

Cast e personaggi

Denzel Washington: Robert McCall
Pedro Pascal: Dave York
Ashton Sanders: Miles Whittaker
Bill Pullman: Brian Plummer
Melissa Leo: Susan Plummer
Orson Bean: Sam Rubinstein
Jonathan Scarfe: Resnick
Sakina Jaffrey: Fatima
Kazy Tauginas: Ari
Garrett Golden: Kovac
Adam Karst: Ibrahim

 

La trama

 

Robert McCall (Denzel Washington), ex-agente della CIA specializzato in operazioni clandestine, lavora come autista per un’impresa di trasporti privata e nel tempo libero aiuta i meno fortunati e i vessati in veste di giustiziere. Qaundo l’amica di lunga data Susan Plummer (Melissa Leo) viene uccisa, McCall s’imbarca in una missione di vendetta per scoprire cosa e soprattutto chi si nasconde dietro il brutale omicidio della sua più cara amica.

 

La nostra recensione

 

In origine c’era una serie tv dal titolo Un giustiziere a New York (The Equalizer), trasmessa su Rai 2 verso la fine degli anni ottanta, che narrava di Robert McCall, un detective privato ed ex- agente segreto che offre i suoi servizi mediante inserzioni sul New York Times. Nel 2014 il regista Antoine Fuqua e l’attore Denzel Washington per la loro seconda collaborazione dopo Training Day decidono di portare sul grande schermo Robert McCall in un solido remake dal titolo The Equalizer – Il vendicatore. Robert McCall diventa un ex-agente della DIA (Defense Intelligence Agency) che dopo aver finto la sua morte decide di trascorrere una vita tranquilla a Boston. Quando però decide di aiutare una prostituta, Alina “Teri” (Chloe Moretz), entra nel mirino della mafia russa che tenta di eliminarlo sfruttando agenti corrotti della polizia di Boston. Robert McCall è quindi costretto a tornare in azione e come si suol dire saranno botte da orbi.

Dopo aver introdotto il nuovo Robert McCall cinematografico, Fuqua e Washington a quattro anni dall’originale girano The Equalizer 2 – Senza Perdono, sequel che segue l’iter di altri franchise di stampo action-thriller, vedi ad esempio il Taken con Liam Neeson. “The Equalizer 2” aggiunge al mix elementi tipici del revenge-movie e arricchisce la trama con un omicidio da risolvere che porterà ad un colpevole / antagonista inatteso, che avrà il duplice compito di dare una svolta alla trama e fornire ulteriore elementi al background del protagonista.

La regia di Fuqua è come di consueto priva di inutili fronzoli estetici ed estremamente solida dal punto di vista visivo. Washington è come sempre il cuore dell’operazione, l’attore non nuovo a questo tipo di caratterizzazione, naturalmente ci riferiamo al John Creasy del memorabile remake Man on Fire di Tony Scott, rispolvera la sua vis “letale” ritraendo un personaggio estreamente credibile dal punto di vista fisico nonostante i 63 anni suonati, e qui torna inevitabilmente alla mente il Bryan Mills di Liam Neeson che di anni ne ha 66.

“The Equalizer 2” è un sequel che fa indubbiamente il suo dovere, fa un passo in avanti rispetto all’originale provando a non ripetersi in un contesto qual’è il formato sequel, e anche rispetto ad un genere cinematografico, l’action-thriller, in cui non si può prescindere dalla riproposizione di cliché e riferimenti assoluti che sono le fondamenta su cui si costruiscono franchise e si caratterizzano personaggi, in qualche caso divenuti vere e proprie icone.

“The Equalizer 2” vive e sopravvive dell’impeccabile performance di Washington e di sequenze d’azione ben coreografate, brutali al punto giusto e con qualche tocco “pulp” piazzato ad arte. Fuqua però sceglie anche di rischiare fornendo alla storia delle sottotrame collaterali che, se da una parte arricchiscono dall’altra frammentano inevitabilmente la trama incidendo in negativo sul ritmo del film. Nonostante ciò va comunque premiata la volontà di Fuqua nel voler ampliare la narrazione e dare più “respiro” alla storia, rispetto ad un film originale tutto ambientato all’interno di un microcosmo urbano di stampo neo-noir, indubbiamente suggestivo e funzionale, ma inevitabilmente limitante e assolutamente non riproponibile in un sequel.

Data di Uscita: Al cinema dal 13 settembre 2018

 

Curiosità

  •  The Equalizer 2 – Senza Perdono è un sequel del film del 2014 The Equalizer – Il Vendicatore a sua volta basato sulla serie tv degli anni ’80 Un Giustiziere a New York.
  • Dopo oltre cinquantacinque crediti cinematografici e televisivi, questo film è stato il primo sequel di Denzel Washington.
  • Questa è stata la prima volta che il regista Antoine Fuqua ha diretto un sequel di uno dei suoi film.
  • Due guardie di sicurezza sono rimaste ferite durante una sparatoria avvenuta durante la produzione del film.
  • Durante le riprese, la troupe si riferiva al film come “The Sequelizer”.
  • Denzel Washington, Bill Pullman e Melissa Leo sono gli unici attori dell’originale ad apparire nel sequel.
  • Questo è stato il quarto film in cui Denzel Washington e il regista Antoine Fuqua hanno lavorato insieme.
  • Denzel Washington si riferisce al personaggio di Miles Whittaker come “Yummy”. Si tratta di un riferimento al 14enne Robert “Yummy” Sandifer che era un membro di una gang di strada di Chicago. L’omicidio di Sandifer da parte di altri membri della gang di Chicago ha attirato l’attenzione nazionale con il volto di Sandifer finito sulla copertina della rivista TIME nel settembre 1994.
  • Durante un’intervista il regista Antoine Fuqua ha espresso interesse nel tornare a dirigere un eventuale The Equalizer 3.
  • L’orologio che il Robert McCall di Denzel Washington usa per cronometrare le sue abilità di combattimento, è un orologio “Suunto Core All Black Military”.
  • Le discussioni per un sequel di The Equalizer- Il vendicatore (2014) sono iniziate sette mesi prima dell’uscita del primo film.
  • Questo è il secondo film di Antoine Fuqua girato con  lenti anamorfiche “Hawk” dopo Training Day (2001).
  • Sebbene McCall sia visto mentre impugna e usa pistole per minacciare nel film, in realtà spara ad un solo uomo con una pistola. Ad un altro McCall spara con un arpione.
  • L’attore cileno Pedro Pascal (Dave York), è apparso nei film The Great Wall e Kingsman – Il cerchio d’oro e ha interpretato Oberyn Martell nella serie tv Il trono di spade.
  • Sebbene la trama li collochi in Belgio, la hall e la stanza d’albergo in cui Susan viene aggredita è in realtà il Fairmont Copley Plaza di Boston (USA).
  • La colonna sonora del film è del compositore Harry Gregson-Williams (Spy Game, Man on Fire – Il fuoco della vendetta, Sopravvissuto – The Martian).
  • Il film costato 62 milioni di dollari ne ha incassati nel mondo circa 173.

 

 


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *