Stasera in TV: Harry Potter e la Camera dei Segreti su Italia 1

Condividi

Stasera in tv su Rete 4 “Harry Potter e la camera dei segreti”, film fantastico del 2002 diretto da Chris Columbus e interpretato da Daniel Radcliffe, Rupert Grint, Emma Watson e Kenneth Branagh.

Cast e personaggi

Daniel Radcliffe: Harry Potter
Rupert Grint: Ron Weasley
Emma Watson: Hermione Granger
Kenneth Branagh: Gilderoy Allock
Richard Harris: Albus Silente
Robbie Coltrane: Rubeus Hagrid
Maggie Smith: Minerva McGranitt
Tom Felton: Draco Malfoy
Alan Rickman: Severus Piton
Bonnie Wright: Ginny Weasley
Christian Coulson: Tom Orvoloson Riddle
Jason Isaacs: Lucius Malfoy
James Phelps: Fred Weasley
Oliver Phelps: George Weasley
Chris Rankin: Percy Weasley
Mark Williams: Arthur Weasley
Julie Walters: Molly Weasley
Matthew Lewis: Neville Paciock
David Bradley: Argus Gazza
Richard Griffiths: Zio Vernon Dursley
Fiona Shaw: Zia Petunia Evans
Harry Melling: Dudley Dursley
Sean Biggerstaff: Oliver Baston
Miriam Margolyes: Pomona Sprite
Jamie Waylett: Vincent Tiger
Joshua Herdman: Gregory Goyle
Robert Hardy: Cornelius Caramell
Gemma Jones: Madama Chips
Shirley Henderson: Mirtilla Malcontenta
John Cleese: Nick-Quasi-Senza-Testa
Edward Randell: Justin Finch-Fletchley
Alfred Enoch: Dean Thomas
Devon Murray: Seamus Finnigan
Jamie Yeates: Marcus Flitt
Warwick Davis: Filius Vitious
Sally Mortemore: Madama Pince

 

La trama

 

Durante le vacanze estive l’elfo domestico Dobby, servitore della famiglia Malfoy, si reca in visita daHarry Potter e lo avverte di non tornare ad Hogwarts perché qualcuno ha ordito un complotto che potrebbe costargli la vita. Harry non seguirà il consiglio e sfuggito alle grinfie dei suoi perfidi zii con l’aiuto di Ron e i gemelli Weasley, partirà alla volta di Hogwarts a bordo di un’auto volante intenzionato ad affrontare la minaccia.

 

La nostra recensione

 

Secondo capitolo della saga di Harry Potter con il regista Chris Columbus che bissa dopo “La Pietra Filosofale”, ma stavolta con “La Camera dei Segreti” vira sul dark e l’atmosfera, così come Hogwarts, si incupisce e si popola di creature mostruose e presagi inquietanti. Questo secondo capitolo darà il via al percorso di crescita del protagonista accompagnato da tappe che, di film in film, porteranno alla scoperta di nuovi e oscuri poteri, misteriosi complotti e pericoli celati nell’ombra. La formula comunque non cambia, gli inseparabili amici e il malvagio Voldemort rimarranno il fulcro della narrazione, il demone-serpente del finale darà luogo ad un intrigante e coreografico duello ricco di effetti speciali. Non mancheranno inoltre i personaggi cardine della serie dal gigante buono Agrid all’ambiguo professor Severus Piton, magistralmente interpretato da Alan Rickman. Chris Columbus confeziona un sequel a misura di fan, ma strizza l’occhio anche ad un pubblico più adulto e di non lettori, ripescando per l’occasione alcune atmosfere dei suoi primi lavori da sceneggiatore come il classico Piramide di Paura.

 

Curiosità

 

  •  Daniel Radcliffe ha affermato che “Harry Potter e la camera dei segreti” è il suo libro preferito.
  • L’attore Hugh Grant è stato originariamente lanciato come Gilderoy Allock, ma in seguito è stato costretto a ritirarsi a causa di altri impegni, mentre Jude Law è stato scartato perchè ritenuto troppo giovane per il ruolo.
  • Zoë Wanamaker non appare in questo film nei panni dell’insegnante di volo di Hogwarts Madama Bumb, la Wanamaker ha trovato il suo compenso insoddisfacente.
  • Christian Coulson ha avuto il ruolo di Tom Riddle nonostante avesse 23 anni, ai provini era in competizione con attori molto più giovani di lui che non supervano i 17 anni.
  • Sono state in tutto 14 le “Ford Anglia” distrutte per girare la scena in cui Harry e Ron hanno un incidente e atterrano sul Platano Picchiatore.
  • Durante le riprese, la parte di Dobby è stata interpretata da una palla posta sulla cima di un bastone (il personaggio è stato aggiunto digitalmente in seguito).
  • L’interno della stazione ferroviaria utilizzata nel film è quello di King Cross situata nella zona nord di Londra, mentre gli esterni sono in realtà di St. Pancras. Le due stazioni sono adiacenti l’una all’altra, ma non condividono lo stesso edificio. Ciò è stato fatto perché l’architettura di St. Pancras risultava esteticamente molto più accattivante.
  • Le riprese del film sono iniziate tre giorni dopo l’uscita nei cinema di Harry Potter e la pietra filosofale.
  • Alcuni dei ritratti di Hogwarts sono in realtà i volti dello scenografo Stuart Craig e del produttore esecutivo Mark Radcliffe.
  • La storia circolata sui giornali e in rete che ipotizzava che Emma Watson si fosse rotta il polso sinistro durante le riprese si è rivelata falsa.
  • Gli arazzi appesi nella sala comune di Grifondoro sono copie della “Dama e l’unicorno” una serie di arazzi del 16° secolo esposti attualmente nel Museo Cluny di Parigi.
  • Tutti e quattro i figli del regista Chris Columbus appaiono in questo film: Eleanor Columbus interpreta Susan Bones (interpretata anche in Harry Potter e la pietra filosofale), Brendan Colombus un ragazzo nella sala studio, Violet Colombus interpreta una bambina con dei fiori e Isabel Colombus una bambina in libreria.
  • L’automobile degli Weasley è una Ford Anglia, lo stesso modello e colore dell’auto che la scrittrice JK Rowling e la sua migliore amica dei tempi della scuola usavano in gioventù per andare in giro.
  • Il film negli Stati Uniti ha incassato oltre 88 milioni di dollari nel suo weekend di apertura, che all’epoca lo mise al terzo posto negli incassi di sempre per quanto riguarda gli esordi, dietro a Spider-Man e al precedente Harry Potter e la pietra filosofale.
  • L’attore Richard Harris (Albus Silente) è morto poche settimane prima dell’uscita del film nelle sale.
  • In origine a Daniel Radcliffe per questo secondo film erano state offerte “solo” 125.000 sterline (circa 181.500$). Il Sindacato degli attori Equity è intervenuto e ha negoziato nuovi termini contrattuali che hanno portato il compenso a circa 2 milioni di sterline (3 milioni di dollari).
  • Quando Hagrid sta scortando Harry fuori da Notturn Alley e di nuovo quando Lockhart si rivolge ai fotografi per mostrare il suo profilo migliore, sugli scaffali si possono scorgere alcune edizioni dei libri di Harry Potter.
  • La collana di opali, che svolge un ruolo importante in Harry Potter e il Principe mezzosangue, può essere brevemente intravista all’interno di una vetrina del negozio Magie sinistre quando Harry Potter vi entra.
  • Durante la produzione Emma Watson ha spesso portato il suo criceto Millie sul set. Purtroppo Millie è morto poco dopo riprese. Il reparto scenografie ha creato una speciale bara per il criceto, completa di fodera in velluto e con il nome “Millie” inciso sulla parte superiore. “Non credo che un criceto abbia mai avuto migliore commiato.” ha detto la Watson.
  • Questo è uno dei due film della saga a non aver ricevuto alcuna candidatura agli Oscar, l’altro è Harry Potter e l’Ordine della Fenice.
  • Molte persone pensano che il professor Gilderoy Allock sia un personaggio ispirato all’ex marito della scrittrice JK Rowling, ma lei ha detto sul suo sito ufficiale che anche se Allock è una persona molto egocentrica e che a lei davvero non piace, non è il suo ex-marito.
  • Lo script originariamente prevedeva che Hermione avrebbe dovuto abbracciare sia Harry che Ron nella scena finale. Emma Watson allora undicenne era imbarazzata dal fatto di dover abbracciare entrambi i ragazzi di fronte a tutto il cast, Chris Columbus ha così permesso di modificare la scena in modo che Hermione abbracciasse Harry e quando lei sta per abbracciare Ron i due in imbarazzo decidono di stringersi la mano. La Watson ha anche dichiarato in un’intervista che durante quella scena ha lasciato andare Daniel Radcliffe troppo velocemente, quindi per ovviare a ciò l’immagine in post-produzione è stata “congelata” per qualche secondo, onde far sembrare che l’abbraccio fosse più lungo della sua effettiva durata.
  • Il film costato 100 milioni di dollari ne ha incassati nel mondo 879.

 

La colonna sonora

 

  • Le musiche originali di Harry Potter e la camera dei segreti sono del compositore premio Oscar John Williams (Star Wars, Superman, E.T., Lo Squalo, Indiana Jones).
  • John Williams non è riuscito a completare per intero la colonna sonora a causa dei troppi impegni. Quindi la produzione ha ingaggiato William Ross per adattare il materiale di Williams e completare la colonna sonora. Ross ha anche diretto l’orchestra durante le sessioni di registrazione.
  • Durante la partita di Quidditch alcuni frammenti della musica utilizzata mentre Harry e Draco inseguono il Boccino d’Oro è stata utilizzata anche durante la scena d’inseguimento degli speeder in Star Wars: L’attacco dei cloni, film sempre musicato da Williams.

 

TRACK LISTINGS:

1. “Prologue: Book II and the Escape from the Dursleys”
2. “Fawkes the Phoenix”
3. “The Chamber of Secrets”
4. “Gilderoy Lockhart”
5. “The Flying Car”
6. “Knockturn Alley”
7. “Introducing Colin”
8. “The Dueling Club”
9. “Dobby the House Elf”
10. “The Spiders”
11. “Moaning Myrtle”
12. “Meeting Aragog”
13. “Fawkes Is Reborn”
14. “Meeting Tom Riddle”
15. “Cornish Pixies”
16. “Polyjuice Potion”
17. “Cakes for Crabbe and Goyle”
18. “Dueling the Basilisk”
19. “Reunion of Friends”
20. “Harry’s Wondrous World”

 

 

 


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *