Star Wars: un fumetto rivela perché Leia non è mai diventata un Jedi

Condividi

“La Forza” scorre potente nella famiglia Skywalker, ma mentre Anakin Skywalker, il figlio Luke e più recentemente il nipote Ben Solo hanno intrapreso le vie della Forza utilizzando quel potere per diventare Jedi, Leia ha lasciato che i suoi poteri rimanessero latenti e inutilizzati. In Star Wars la Sensibilità alla Forza di Leia è stata accennata per la prima volta in L’ìmpero colpisce ancora, confermata in Il ritorno dello Jedi, e in Gli Ultimi Jedi lei continua a dimostrare una connessione potente e istintuale con la Forza. Allora perché Leia non si è mai addestrata per diventare un Jedi come il resto della sua famiglia?

Un recente numero del fumetto Star Wars di Marvel potrebbe avere la risposta, o per lo meno, una spiegazione del motivo per cui Leia non ha mai cercato di intraprendere una vita da Jedi. Ambientato tra gli eventi di Una nuova speranza e L’impero colpisce ancora, l’arco narrativo attuale dello scrittore Kieron Gillen trova Luke, Leia e Han su Jedha mentre cercano di lavorare a fianco di ciò che resta della cellula ribelle di Saw Gerrera. In Star Wars #40, c’è uno scambio tra Leia e Luke che offre nuovi elementi sul motivo per cui Leia dedica la sua vita alla causa (che si tratti di Alleanza Ribelle o Resistenza) invece di seguire la sua famiglia lungo il sentiero Jedi.

Dopo aver distrutto a stento una perforatrice che l’Impero aveva portato su Jedha per estrarre il cristallo Kyber rimasto dal guscio morente della luna, Luke decide di visitare l’ex sito del Tempio Jedi (ora un gigantesco cratere grazie alla Morte Nera). Di fronte al risultato della loro missione su Jedha, Leia si arrabbia con Luke per averli abbandonati per occuparsi di “cose da Jedi” e lo definisce un irresponsabile. Luke le dice che è importante, lei risponde che è d’accordo ma ricorda a Luke che ci sono diversi tipi di cose importanti prima di aggiungere: “Ti ho mai detto le ultime parole che mi ha detto mio padre? Erano un briefing di missione.”

Da lì il fumetto segue un flashback dal giorno in cui Leia ha parlato per l’ultima volta con suo padre, il suo vero padre, l’uomo che l’ha cresciuta, Bail Organa. Mentre l’Alleanza Ribelle raduna le sue forze per aiutare nella Battaglia di Scarif, Bail spiega che sarà lei a dover consegnare i piani della Morte Nera (così come contattare Obi-Wan Kenobi), dicendo a sua figlia: “Questa è la cosa più importante che ti ho mia chiesto. È la cosa più importante che abbia mai chiesto a qualcuno.” Quando Leia insiste che ci deve essere qualcun altro più adatto per il compito, lui la rassicura: “Non c’è nessuno migliore. Mi fido di te più di chiunque altro. Non c’è niente che non puoi affrontare. ”

Tornando al presente, Leia spiega poi a Luke l’effetto profondo che le ultime parole del padre hanno avuto su di lei:

Non ci siamo resi conto allora, ma è stato un briefing di missione durato per tutta la mia vita. Ogni volta che inciampo, torno a quello. Si è fidato di me per finire questa cosa e la finirò.

Luke tuttavia prosegue nella sua visita a ciò che rimane del tempio, spiegandole che sente il bisogno di diventare un Jedi (“Lo sento”). Leia risponde dicendo che anche lei “sente le cose”, ma quello che sente di più è il dovere. “Non tutti possono essere dei sognatori” gli dice mentre lui continua ad essere distratto da “cose da Jedi”.

Ciò che questa scena ci rivela è che Leia non è semplicemente qualcuno che crede nell’Alleanza Ribelle, lei è l’Alleanza Ribelle. Suo padre ha posto in lei la sua fiducia e speranza per il futuro, ed è una responsabilità che Leia prende molto seriamente. Combattere per l’Alleanza Ribelle, contribuendo a costruire la nuova Repubblica Galattica e poi guidare la Resistenza sono tutte semplicemente estensioni di quella missione originale, una missione affidatale da suo padre per liberare la galassia dall’oppressione, compito che è determinata a portare a compimento.

Con questi nuovi elementi si può evincere che un potenziale futuro Jedi di Leia è stato sacrificato per la crociata, forse se non le fosse stato affidato un compito tanto gravoso, una responsabilità così pesante in veste di principessa e senatrice, la sua vita sarebbe stata diversa e un percorso per diventare un Jedi sarebbe stato intrapreso, tra l’altro sappiamo che Yoda in origine avrebbe voluto addestrare Leia e non Luke.

 

Fonte: ScreenRant

 


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *