RoboCop: Citizens Arrest – un nuovo fumetto racconterà Alex Murphy trent’anni dopo

Condividi

Alex Murphy torna in RoboCop: Citizens Arrest, un nuovo fumetto di BOOM! Studios che ci mostrerà il cyber-poliziotto 30 anni dopo nel futuro distopico in cui era ambientata la trilogia di film.

Oltre alla trilogia originale, il franchise RoboCop ha dato origine ad un reboot diretto nel 2014 da José Padilha, una omonima serie tv live-action in onda per una sola stagione, due serie animate (RoboCop e RoboCop: Alpha Commando), diversi videogiochi (tra cui RoboCop 3D e RoboCop versus The Terminator) e svariate serie a fumetti tra cui RoboCop di Marvel Comics e RoboCop versus The Terminator di Dark Horse Comics.

I diritti su RoboCop nel corso degli anni sono passati di editore in editore e l’ultima fermata è stata presso BOOM! Studios, che oltre a realizzare un fedele adattamento del reboot RoboCop hanno anche prodotto una serie di dodici numeri che fungeva da sequel al film originale e ignorava completamente gli eventi dei sequel RoboCop 2 e RoboCop 3.

L’anno scorso è stato il trentennale dell’uscita di RoboCop nelle sale e quindi quale migliore occasione di rispolverare il franchise. Ad aprile BOOM! Studios pubblicherà “RoboCop: Citizens Arrest #1” di Brian Wood e Jorge Coelho. La storia ha luogo tre decenni dopo il film originale, il che significa che scopriremo come il distopico mondo della Omni Consumer Products si è evoluto senza controllo.

Nella trama del nuovo fumetto gli agenti di polizia come li conosciamo non esistono più. La giustizia è supportata dalla gente comune tramite spionaggio e utilizzo di smartphone. Portare i criminali all’attenzione della OCP ti farà guadagnare un po’ di soldi, ma qualcosa andrà storto in questa collaborazione.

La cover principale che trovate a seguire è disegnata da Nimit Malavia con varianti di David Rubin e Jim Towe.

 

 

Fonte: DenofGeek

 

 


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *