Resident Evil: Netflix sta sviluppando una serie tv live-action

Condividi

Netflix sta sviluppando una serie tv basata sulla serie di videogiochi Resident Evil, che in precedenza ha generato sei film live-action con protagonista Milla Jovovich e quattro lungometraggi d’animazione in CG.

Con l’uscita lo scorso 25 gennaio del tanto atteso remake Resident Evil 2 di Capcom per PlayStation 4, Xbox One e Microsoft Windows, il franchise ha fruita di una nuova spinta all’insegna del nostalgico. Il gioco “Resident Evil” del 1996 è un punto di riferimento per il genere survival-horror e anche se la serie ha avuto qualche episodio qualitativamente non eccelso ha sempre cercato di rinnovarsi riuscendo a non interrompere mai la produzione.

Sul grande schermo “Resident Evil” ha incassato oltre un miliardo e 200 milioni al box-office globale, anche se dal terzo film in poi trama e ambientazione hanno preso strade diverse rispetto ai videogiochi costruendo un percorso indipendente, cercando di accontentare una platea il più vasta possibile e di contro attirando le critiche dei fan dei videogiochi originali.

Dopo l’uscita di Resident Evil: The Final Chapter nel 2017, è stato annunciato che Constantin Film stava progettando di riavviare il franchise come programma televisivo. Ora il sito Deadline riporta che “Resident Evil” farà effettivamente tappa sul piccolo schermo, nella forma di una serie originale di Netflix che è nelle prime fasi di sviluppo. Attualmente i produttori sono in cerca di uno showrunner per guidare il progetto dal punto di vista creativo, il cui compito assai arduo sarà quello di accontentare sia i fan del franchise cinematografico che i cultori dei videogiochi originali.

Secondo quanto riporta il sito Deadline, il piano per la serie è di espandere l’universo di “Resident Evil” e approfondire la mitologia esistente. Sembra che la serie manterrà la premessa di base, che è servita anche come impostazione i lungometraggi cinematografici, ed esplorerà gli oscuri meccanismi interni della Umbrella Corporation e il nuovo ordine mondiale causato dallo diffondersi del T-virus. Anche se il progetto è nelle fasi iniziali, la serie prevede di incorporare tutti gli elementi distintivi di “Resident Evil”, incluse le sequenze d’azione e gli “easter egg” tanto amati dai fan.

 

Fonte: Deadline


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *