L’esorcismo di Hannah Grace: curiosità e recensione del film horror con Stana Katic

Condividi

Leggi la recensione di L’esorcismo di Hannah Grace (The Possession of Hannah Grace), film horror del 2018 diretto da Diederik Van Rooijen e interpretato da Shay Mitchell, Grey Damon, Kirby Johnson e Stana Katic.

 

                                                                      [Per visionare il trailer italiano del film clicca sull’immagine in alto]

 

Cast e personaggi

Shay Mitchell: Megan Reed
Grey Damon: Andrew Kurtz
Kirby Johnson: Hannah Grace
Nick Thune: Randy
Stana Katic: Lisa Roberts
Louis Herthum: Grainger
Jacob Ming-Trent: Ernie Gainor
Maximillian McNamara: Dave
James A. Watson Jr.: Dr. Henry Lewis

 

La trama

 

Un esorcismo difficile si conclude con la morte violenta di una giovane donna. Mesi dopo, Megan Reed (Shay Mitchell) sta lavorando al turno di notte in obitorio, quando prende in consegna un cadavere sfigurato. Da sola, nei corridoi del seminterrato, Megan si trova ad affrontare visioni terrificanti e inizia a sospettare che il corpo possa essere posseduto da una spietata forza demoniaca.

 

La nostra recensione

 

Gli obitori così come gli ex-manicomi forniscono un’ambientazione ideale per giocare con lo spettatore sul quel labile confine che separa reale e irreale; linea che con un po’ di atmosfera e qualche azzeccata suggestione diventa sempre più sfumata e si veste di sovrannaturale, stimolando ciò che l’occhio realmente percepisce e ciò che la mente ingannevole è convinta invece di vedere. L’esorcismo di Hannah Grace ambienta un’infestazione demoniaca all’interno di un obitorio, quindi un mix sulla carta di notevole potenzialità orrorifica, ma che una regia poco ispirata e poca dimistichezza con il genere trasformano in una carrellata di cliché malamente sfruttati e messi in scena con poca convinzione.

“L’esorcismo di Hannah Grace” non è un canonico film sulla possessione demoniaca poiché la parte dell’esorcismo inizia e finisce in una scena di buon impatto che funge da incipit al racconto. Il film è invece il racconto di una possessione post-mortem, di un cadavere risorto e di un demone che miete vittime mentre il cadavere che lo ospita si rigenera.

“L’esorcismo di Hannah Grace” palesa gli stessi limiti dell’horror Mirrors con Kiefer Sutherland e diventa qualcosa di enormemente inconsistente se paragonato al più recente horror Autopsy, che pur avendo diversi elementi in comune con “L’esorcismo di Hannah Grace” sfrutta in maniera molto più efficace l’elemento sovrannaturale.

Il regista danese Diederik Van Rooijen, al suo primo horror, confeziona un compitino quasi scolastico senza sporcature di sorta che avrebbero regalato alla messinscena qualche punto in più. La mancanza di esperienza nel genere non permette al regista di sfruttare un po’ di mestiere per sopperire laddove la sceneggiatura langue e i brividi sono pericolosamente latitanti. Non bastano un cadavere ambulante e dinoccolato in stile J-horror e una location ammiccante per costruire un minimo sindacale di tensione, e a dimostrarlo ci sono una lunga lista di pellicole finite nel dimenticatoio.

“L’esorcismo di Hannah Grace” magari poteva avere un valore diverso se preso all’interno di una qualche antologia horror in un minutaggio più accettabile, ma così com’è spalmato su poco meno di un’ora e mezza significa proporre un’insipida minestra riscaldata anche agli spettatori meno avvezzi all’horror, figuriamoci ad un cultore del genere la cui visione risulta qualcosa di ancor più frustrante.

 

Curiosità

  • Shay Mitchell che nel film interpreta Megan Reed è nota per il ruolo di Emily Fields nella serie TV Pretty Little Liars, mentre Stana Katic che interpreta Lisa Roberts è nota per il ruolo della detective Kate Beckett nella serie tv Castle.
  • Il film è stato girato principalmente con una macchina da presa A7S II, un modello di largo consumo che costa solo 2.000$.
  • Il film era originariamente intitolato Cadaver.
  • L’immaginario “Boston Metropolitan Hospital” mostrato nel film è in realtà l’edificio del municipio di Boston.
  • Shay Mitchell è la quarta attrice protagonista della serie tv Pretty Little Liars ad aver interpretato un ruolo da protagonista in un film horror, dopo Ashley Benson in Ratter, Troian Bellisario nel remake Martyrs e Lucy Hale in Obbligo o verità.
  • L’uomo che interpreta il padre di Hannah interpreta anche Louis Sweetzer nell’horror L’ultimo esorcismo, anche in quel caso si trattava del padre di una ragazza posseduta, Nell Sweetzer.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *