Le Ultime 24 Ore: curiosita. recensione e colonna sonora del film con Ethan Hawke

Condividi

Le Ultime 24 Ore (24 Hours to Live) è arrivato nei cinema italiani. Leggi la recensione dell’action-thriller diretto da Brian Smrz e interpretato da Ethan Hawke, Xu Qing, Paul Anderson, Rutger Hauer e Liam Cunningham.

Cast e personaggi

Ethan Hawke: Travis Conrad
Xu Qing: Lin
Paul Anderson: Jim Morrow
Rutger Hauer: Frank
Tyrone Keogh: Keith Zera
Nathalie Boltt: dott.ssa Helen
Liam Cunningham: Wetzler
Jeremy Yong: Christopher Bisset
Susan Young: Vicky Liu
Tanya van Graan: Jasmin Morrow
Hakeem Kae-Kazim: Amahle

 

La trama

 

Dopo che un intervento chirurgico sperimentale lo riporta in vita per un solo giorno, il killer Travis Conrad (Ethan Hawke) si risveglia con al braccio un timer. Ha solo 24 ore di tempo per redimersi, collaborando con l’agente dell’Interpol che lo ha ucciso e vendicarsi dell’organizzazione che gli ha rubato la vita e la famiglia.

 

La nostra recensione

Le Ultime 24 Ore è il classico riempitivo per la programmazione estiva, l’equivalente di una gustosa bibita ghiacciata la cui funzione primaria è sedare l’arsura quel tanto che basta per lenire l’afa, e l’action-thriller di Brian Smrz è questo, un action a tutto tondo per gli amanti del genere e del tipo che fa storcere il naso a quella critica un po’ snob, che già immaginiamo pronta a criticare il talentuoso Ethan Hawke per aver accettato un ruolo action (non sia mai…vergogna!).

“Le Ultime 24 Ore” ha una connotazione fantascientifica di stampo “medico” che resta collaterale rispetto alla trama, nel medesimo modo in cui lo era nel Criminal con Kevin Costner, insomma niente super-soldati immortali o killer “zombie”, ma solo un timer a scandire il tempo e a dare ulteriore vigore al concitato susseguirsi degli eventi.

Il film è curatissimo dal punto di vista visivo e dal lato prettamente “action”,  con sequenze d’inseguimento e sparatorie molto coinvolgenti e adrenaliche, ma tanta cura era prevedibile visto che il regista Brian Smrz è un apprezzato stuntman e coordinatore di stunt che  ha collaborato con John Woo nel suo periodo hollywoodiano. I crediti di Smrz includono Face/Off – Due facce di un assassino, Windtalkers e Mission Impossible II in veste di coordinatore di stunt, ma se avrete modo di guardare “Le Ultime 24 Ore” l’influenza di John Woo è ben percettibile in ogni singola sequenza d’azione, in particolare nei coreografici scontri a fuoco.

“Le Ultime 24 Ore” non tocca le vette dei classici di John Woo come a suo tempo fece John Wick, ma se cercate un action duro e puro, brutale al punto giusto, senza fronzoli, in cui si parla poco e si spara tanto, il film non vi deluderà, ma se invece siete in cerca dell’Ethan Hawke “impegnato” o nel 2018 utilizzate ancora termini come “americanata” consigliamo caldamente di spostare altrove la vostra attenzione.

 

Curiosità

  • Il film è una coproduzione Sudafrica, Cina e Stati Uniti.
  • Il regista Brian Smrz ha lavorato come stuntman e coordinatore degli stunt nei film di Hollywood dal 1981. In anni più recenti, è stato regista e regista di seconde unità in progetti come Hero Wanted, Fantastic Four e Face / Off. Smrz ha lavorato a diversi film americani del regista John Woo, tra cui Windtalkers, Paycheck e Mission: Impossible 2. L’action-thriller Hero Wanted con Cuba Gooding, Jr., Ray Liotta e Norman Reedus è stato il suo debutto alla regia.
  • La protagonista femminile del film è l’attrice cinese Xu Qing conosciuta anche come Summer Qing, i suoi crediti includono ruoli nel romance musicale La vita appesa a un filo, nel dramma To My Wife, nel thriller fantascientifico Looper con Bruce Willis e nel dramma con arti marziali Hidden Sword.
  • Le musiche originali del film sono del compositore Tyler Bates (John Wick, Guardiani della Galassia, Atomica Bionda, Deadpool 2).
  • La colonna sonora include il brano “God’s Gonna Cut You Down” di Marilyn Manson.

 

 

 


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *