Dai fratelli Lumière ad Avatar, La Storia degli Effetti Speciali in un saggio di Giovanni Toro

Condividi

E’ disponibile online e in libreria Storia degli effetti speciali, dai fratelli Lumière ad Avatar, un saggio di Giovanni Toro che racconta la storia degli effetti speciali e delle sue applicazioni nel cinema.

 

 

Il cinema ha avuto le sue tappe evolutive che sono passate per il sonoro, il colore fino all’applicazione del computer e all’utilizzo del 3D di ultima generazione all’interno di pellicole. In principio si trattava di film di genere fantastico/fantascientifico, ma in seguito la CG si è dimostrata molto utile anche applicata a film drammatici e storici, che richiedevano la creazione di intere sequenze o scenari che avrebbero richiesto a livello logistico un grande dispendio di mezzi e che invece, proprio grazie alla CGI (computer-generated imagery), permisero a costi contenuti di creare realistiche location virtuali e strabilianti viaggi nel tempo.

 

 

Oggi siamo particolarmente abituati all’uso e spesso abuso di effetti speciali, l’evoluzione della tecnologia, la creazione di nuovi software e di processori sempre più potenti non hanno però del tutto rimpiazzato quelle che vengono definite tecniche “tradizionali” che includono effetti pratici, make-up speciale e l’uso di miniature e animatronica. Tutte queste tecniche invece che scomparire si sono ibridate con tutto l’odierno parterre tecnologico a disposizione dei registi, che possono contare su una libertà creativa impressionante e inimmaginabile agli albori del cinema, epoca in cui l’effetto speciale altro non era che la fantasia sfrenata di chi realizzava film e lo stupore di un pubblico ingenuo e pregno di genuino entusiasmo per un mezzo in grado di dar corpo all’immaginazione e di fabbricare sogni in celluloide, capaci di far vivere a chiunque grandi amori e avventure mozzafiato al costo di un biglietto d’ingresso.

 

 

…Lo squalo non si può ammaestrare quindi è necessario crearne uno, un surrogato che lo sostituisca affinché possa agire non solo secondo il copione ma risultare pure vero, come il più vero dei predatori degli abissi mai fotografati prima…

 

Il saggio “Storia degli effetti speciali, dai fratelli Lumière ad Avatar” di Giovanni Toro ci porta alla scoperta di questo affascinante mondo di illusione e meraviglia, che tra tecnologia e un piglio squisitamente “artigiano” nel corso degli ultimi decenni a fatto passi da gigante e stabilito tappe imprescindibili per gli effetti speciali: dall’animazione in stop-motion di Ray Harryhausen alle miniature di 2001: Odissea nello spazio di Stanley Kubrick, dai dinosauri in CG di Jurassic Park alla rivoluzionaria tecnica motion-capture di Avatar e L’alba del pianeta delle scimmie.

Che cosa sono gli effetti speciali? Qual è la loro funzione all’interno di una pellicola cinematografica? Un insieme di tecniche utilizzate nel cinema per simulare eventi altrimenti impossibili da rappresentare in maniera tradizionale, in quanto costosi, pericolosi o semplicemente contrari alle leggi della natura.

 

 

…La sequenza relativa alle astronavi nello spazio, fu realizzata tenendo conto di dati e studi provenienti dalla NASA. Kubrick voleva che il pubblico non pensasse a quanto mostrato come ad un inganno ma voleva che tutti credessero veramente che sullo schermo ci fossero delle riprese reali…

 

Film come Lo Squalo, Ritorno al Futuro, Incontri Ravvicinati del Terzo Tipo o 2001: Odissea nello Spazio sarebbero esistiti senza la nascita degli effetti speciali? Un viaggio affascinante nelle fondamenta della settima arte per conoscere da vicino uno degli elementi narrativi più coinvolgenti e appassionanti della storia del cinema.

Il saggio “Storia degli effetti speciali, dai fratelli Lumière ad Avatar” di Giovanni Toro è disponibile sul sito ufficiale di Edizioni NPE.

 

Titolo: Storia degli effetti speciali

ISBN: 9788894818611

Autore: Giovanni Toro

Formato: 15×21 cm, brossura con alette, 192 pgg. b/n

Prezzo: 12,00 euro

Editore: Edizioni NPE

 

 

 


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *