I 10 migliori videogiochi del 2017 secondo UniversoCinema

Condividi

Un entusiasmante anno di videogiochi si è aperto con l’arrivo del 2018, ma quali sono i videogiochi che ci hanno più colpito del 2017? Per rispondere a questa domanda abbiamo stilato una top 10 con quelli che secondo noi sono i videogiochi che oltre ad aver lasciato un segno indelebile, in più di qualche caso sono riusciti a mettere d’accordo critica e fan.

Sparatutto in prima persona, survival horror, platform, RPG, multiplayer e via discorrendo, la nostra top 10 spazia tra generi e piattaforme per uno sguardo il più ampio possibile su un anno di videogiochi che si è rivelato ricco di novità, ma anche di graditi ritorni e piacevoli conferme.

 

10. Persona 5

Persona 5 rappresenta un’occasione imperdibile per gli amanti dei videogiochi RPG, ma anche per chi non è avvezzo al genere e vorrebbe scoprirne il lato migliore. L’RPG di Atlus ha entusiasmato fan e critica in maniera trasversale, e grazie ad una storia particolarmente originale e un look intrigante per molti può essere annoverato tra i migliori RPG di sempre.

Persona 5 è incentrato sui conflitti – interiori e non – di un gruppo di tormentati studenti liceali: il protagonista e altri personaggi che si incontreranno nel corso del gioco. Tutti conducono una doppia vita come Ladri Fantasma. Questi ragazzi vivono il tipico tran tran di un liceale di Tokyo: lezioni da seguire, attività post scuola, lavori part-time. Ma c’è di più: questi giovani possono anche tuffarsi in fantastiche avventure usando poteri soprannaturali per penetrare nel cuore della gente. Il loro potere deriva dalla Persona, il concetto junghiano dell’Io. Gli eroi del gioco comprendono che la società costringe le persone a indossare maschere per proteggere le nostre vulnerabilità, e strappando letteralmente le proprie maschere protettive e confrontandosi con il loro Io interiore, i nostri eroi possono risvegliare il loro potere e usarlo per aiutare i bisognosi.L’obiettivo dei Ladri Fantasma è quello di cercare di cambiare il mondo quotidiano in modo che si adatti alla loro percezione, strappando le maschere che la società moderna ci costringe a indossare.

 

9. Prey

Prey è stata la sorpresa del 2017, il videogioco sparatutto in prima persona degli Arkane Studios, gli acclamati creatori di Dishonored, ha rinverdito i fasti del gameplay per giocatore singolo ripercorrendo le orme di classici come System Shock e BioShock. L’anima RPG di Prey diventa fondamentale sin dalle prime fasi di gioco, a cui si aggiunge il divertimento di nuove armi e avversari capaci di mimetizzarsi come oggetti comuni, creando una tensione palpabile durante l’esplorazione di ogni ambiente.

In Prey, vi risveglierete a bordo della Talos I, una stazione spaziale che orbita intorno alla luna nel 2032. Indosserete i panni dell’oggetto di un esperimento destinato a cambiare per sempre l’umanità, ma le cose hanno preso una terribile piega. La stazione spaziale è stata invasa da alieni ostili che hanno iniziato a darvi la caccia. Mentre vi addentrerete nei più profondi segreti di Talos I e del vostro stesso passato, dovrete sopravvivere usando gli strumenti trovati nella stazione, la vostra intelligenza, le armi e abilità incredibili. Il destino di Talos I e di tutti è nelle vostre mani.

 

8. Cuphead

Cuphead è un videogioco “indie” che combina meccaniche di “corri e spara” (run ‘n’ gun) con frenetiche battaglie contro i boss e rappresenta una sfida anche per i giocatori più scafati. La peculiarità del gioco però non è il gameplay, ma il look fumettoso e un’animazione ispirata ai cartoni animati degli anni ’30 che può vantare grafiche ed effetti audio accuratamente ricreati con le tecniche di quell’epoca (animazione tradizionale a mano, sfondi ad acquerello e registrazioni jazz originali).

Gioca nei panni di Cuphead o Mugman (in modalità giocatore singolo o co-op) attraversando strani mondi, conquistando nuove armi, imparando potenti super-mosse e scoprendo segreti nascosti per cercare di ripagare il tuo debito con il diavolo!

 

7. NieR: Automata

Il videogioco NieR: Automata permette al giocatore di affrontare molte sfide in un’ambientazione semi-open world. PlatinumGames ha curato il gameplay nel dettaglio per offrire un’esperienza di gioco di alto profilo che miscela con abilità azione e RPG. Ma il vero punto di forza è il mondo creato per il gioco, curato come pura forma d’arte creativa in cui giocare e rigiocare per coglierne la complessità narrativa.

In un futuro distante… Invasori da un altro mondo hanno attaccato senza preavviso, scatenando una nuovo tipo di minaccia: armi conosciute come biomacchine. Di fronte a questa minaccia insormontabile, l’umanità è costretta a lasciare la Terra e si rifugia sulla Luna. Il Consiglio dell’Umanità organizza una resistenza composta da soldati androidi nel tentativo di riprendersi il proprio pianeta. Per sbloccare la situazione, la Resistenza schiera una nuova unità di androidi da fanteria: la squadra YoRHa. Su questa terra arida ed abbandonata, la brutale guerra tra le macchine e gli androidi continua ad infuriare. Una guerra che presto porterà a galla la verità su questo mondo…

 

6. PlayerUnknown’s Battlegrounds

PlayerUnknown’s Battlegrounds rappresenta la quintessenza dello sparatutto multiplayer e ha raggiunto una popolarità tale da dare vita ad una delle più grandi comunità di gioco in circolazione. L’enorme popolarità del videogioco deriva dall’utilizzo di un gameplay in stile “Battle Royale”, un coinvolgente tutti contro tutti, che esalta e sobilla il lato competitivo del giocatore e include la possibilità di scegliere approccio al combattimento e strategia di gioco.

Il gioco vede la partecipazione massima di cento giocatori per partita, paracadutati su di un’isola in cui è necessario esplorare per cercare armi ed equipaggiamento per sopravvivere ed eliminare tutti gli avversari. Esiste un’area di sicurezza che diminuisce il proprio raggio sempre più con il passare del tempo, forzando in questo modo lo scontro con gli altri giocatori. L’ultimo giocatore che resta in vita vince la partita.

 

5. Resident Evil 7: Biohazard

Resident Evil 7 rappresenta per il franchise Resident Evil un cambiamento radicale. Il videogioco sfrutta i punti di riferimento imprescindibili del genere “survival horror” rimpiazzando il formato sparatutto in terza persona in favore di un gameplay in prima persona di stampo ansiogeno e claustrofobico.

Il gioco, ambientato nel 2017, racconta le vicende di Ethan Winters, un uomo che riceverà un misterioso messaggio da sua moglie Mia, scomparsa e creduta morta da tre anni. Il messaggio condurrà Ethan in una fattoria a Dulvey, fittizia località della Louisiana. Qui l’uomo scoprirà che sua moglie è tenuta prigioniera dalla folle famiglia Baker ed è stata infettata da un misterioso virus, che i Baker chiamano “dono” e che attribuiscono a una certa “Eveline”. I Baker non sono l’unico pericolo: l’intera fattoria è invasa anche da strane armi biologiche chiamate “Molded”. Ethan dovrà sopravvivere all’orrore, cercando allo stesso tempo di salvare sua moglie e di capire cosa sia accaduto in quella casa.

 

 

4. Wolfenstein II: The New Colossus

Per chi è un patito della caccia ai nazisti formato videgioco, Wolfenstein II: The New Colossus di Bethesda fornirà grandi soddifazioni. Si tratta di sparatutto in prima persona (FPS) grintoso, provocatorio e violento al punto giusto. Wolfenstein II: The New Colossus è l’attesissimo seguito dell’acclamato sparatutto in soggettiva Wolfenstein: The New Order, sviluppato dal pluripremiato studio MachineGames e realizzato con l’avveniristico motore id Tech 6.

America, 1961. L’eliminazione del generale nazista Deathshead è stata solo una vittoria temporanea, i nazisti hanno ancora il mondo intero in pugno. Vestirai i panni di BJ Blazkowicz, noto anche come “Terror-Billy”, membro della resistenza, terrore dell’impero nazista e ultima speranza dell’umanità libera. Solo tu hai il coraggio, la forza e l’intraprendenza per tornare in un paese occupato, uccidere ogni nazista che incontrerai e scatenare la seconda rivoluzione americana.

 

 

3. Super Mario Odissey

I videogiochi con protagonista l’iconico Mario trasmettono sin dagli albori del franchise un che di coinvolgente e gioioso e Super Mario Odyssey mantiene questa tradizione, regalando un surplus di interazione. Super Mario Odyssey con il gameplay incentrato sulla fase esplorativa può essere considerato un degno erede di Mario 64 oltre ad un must per i possessori di Switch.

La trama di Super Mario Odyssey è incentrata sull’ennesimo rapimento di Peach organizzato da Bowser, il quale, questa volta, ha deciso di sposare la principessa. Appresa la notizia Mario, per salvare la fanciulla, affronta Bowser sulla sua aeronave ma dopo una breve lotta contro il re dei Koopa viene battuto e finisce K.O.. Una volta ripresi i sensi Mario si trova costretto ad intraprendere una nuova missione di salvataggio e stavoilta ad aiutarlo ci sarà Cappy, uno spirito a forma di cappello a cui è stata rapita la sorella.

 

 

2. Horizon: Zero Dawn

Horizon: Zero Dawn sfoggia una delle trame per videogiochi più avvincenti dell’anno. La storia di questo titolo di Guerrilla Games conquista il giocatore evento dopo evento, mentre impara a conoscere un lussureggiante mondo post-apocalittico e la sua storia interagendo con l’ambientazione, combattendo, cacciando e portando a compimento le missioni suggerite dalla trama. Senza alcun dubbio da annoverare tra le migliore esclusive di PS4.

In un lussureggiante e vibrante mondo aperto post-apocalittico, colossali creature meccaniche vagano per le terre che hanno sottratto all’umanità. Col tempo, l’evoluzione umana è regredita a tribù di cacciatori e raccoglitori che vivono fra altissime foreste, imponenti catene montuose e rovine evocative di una civiltà del passato, mentre le macchine selvagge hanno preso il sopravvento. Tu sei Aloy, un’abile cacciatrice che si affida a velocità, astuzia e agilità per sopravvivere e difendere la sua tribù dalla forza, le dimensioni e il potere delle macchine. Affrontando numerosi ostacoli, dovrai imbarcarti in un viaggio avvincente ed emozionante per scoprire i segreti di una civiltà scomparsa, gli antichi manufatti che si è lasciata alle spalle e apprendere di più sulle tecnologie avanzate che determineranno il futuro del pianeta… e dell’umanità stessa.

 

 

1. The Legend of Zelda: Breath of the Wild

Innovativo ma senza tradire le sue origini, immersivo con ambientazioni e personaggi strepitosi e maledettamente vicino alla perfezione. È difficile non lasciarsi affascinare dal videogioco The Legend of Zelda: Breath of the Wild. Il ritorno del franchise di Zelda appare senza alcun dubbio come un trionfo sotto ogni punto di vista.

The Legend of Zelda: Breath of the Wild è l’ultima, attesissima avventura di una delle serie Nintendo più epiche e amate di sempre. Grazie ad una miriade di novità rispetto ai precedenti capitoli, prima fra tutte l’ambientazione interamente open-world del gioco, Breath of the Wild porta la serie ad un nuovo livello. Dimentica tutto quello che sai sui giochi di The Legend of Zelda e immergiti in un mondo di scoperte, esplorazione e avventura. Attraversa campi, foreste e montagne mentre cerchi di capire cosa è successo al regno di Hyrule in questo enorme, straordinario ed attesissimo nuovo capitolo della leggendaria saga The Legend of Zelda!

 

 


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *