Gli Incredibili 2: recensione e curiosità del sequel d’animazione Disney-Pixar

Condividi

Ha debuttato nei cinema italiani Gli Incredibili 2 (Incredibles 2), film sequel d’animazione del 2018, diretto da Brad Bird, prodotto da Pixar Animation Studios con le voci di Ambra Angiolini, Amanda Lear, Isabella Rossellini e Tiberio Timperi.

Cast e personaggi

Doppiatori originali

Craig T. Nelson: Robert “Bob” Parr / Mr. Incredibile
Holly Hunter: Helen Parr / Elastigirl
Sarah Vowell: Violetta Parr
Huck Milner: Dashiell “Flash” Parr
Eli Fucile: Jack-Jack Parr
Samuel L. Jackson: Lucius Best / Siberius
Bob Odenkirk: Winston Deavor
Catherine Keener: Evelyn Deavor
Brad Bird: Edna Mode
Jonathan Banks: Rick Dicker
Michael Bird: Tony Rydinger
Sophia Bush: Karen / Voyd
Phil LaMarr: Krushauer; He-Lectrix
Paul Eiding: Gus Burns / Reflux
Isabella Rossellini: Ambasciatrice
John Ratzenberger: Minatore
Barry Bostwick: Sindaco
Adam Gates: Chad Brentley

Doppiatori italiani

Fabrizio Pucci: Robert “Bob” Parr / Mr. Incredibile
Giò Giò Rapattoni: Helen Parr / Elastigirl
Alessia Amendola: Violetta Parr
Giulio Bartolomei: Dashiell “Flash” Parr
Ilaria Stagni: Jack-Jack Parr
Massimo Corvo: Lucius Best / Siberius
Stefano Benassi: Winston Deavor
Ambra Angiolini: Evelyn Deavor
Amanda Lear: Edna Mode
Orso Maria Guerrini: Rick Dicker
Alessio Nissolino: Tony Rydinger
Bebe Vio: Karen / Voyd
Roberto Fidecaro: Krushauer
Enrico Pallini: He-Lectrix
Angelo Nicotra: Gus Burns / Reflux
Isabella Rossellini: Ambasciatrice
Ambrogio Colombo: Minatore
Oliviero Dinelli: Sindaco
Tiberio Timperi: Chad Brentley

 

La trama

 

Mentre la famiglia Parr ha sperimentato un’avventura insieme, dove hanno potuto utilizzare i loro superpoteri, devono ancora fare i conti con una legge che rende i supereroi fuorilegge. Finiti in manette, dopo un fallito tentativo di catturare il Minatore, il futuro dei Parr appare alquanto fosco. Per fortuna entrano i scena i ricchi ed eccentrici fratelli Deavor, proprietari della Devtech, che offrono nuove speranze con un progetto audace per riabilitare l’immagine pubblica e lo status legale dei “Super”. Con Elastigirl scelta come immagine simbolo del rilancio dei supereroi, toccherà a Mr. Incredible restare a casa e prendersi cura dei bambini, una sfida notevole anche per un super-papà, che si troverà tra le altre cose a dover gestire i poteri appena emersi del piccolo Jack-Jack che lo rendono quasi impossibile da controllare. Nel frattempo Elastigirl ha le sue preoccupazioni cercando di sventare la minaccia di un nuovo supercriminale, L’ipnotizzaschermi, che mette in campo le sue abilità di controllo mentale. Ora Elastigirl deve risolvere il mistero di questo nuovo e sfuggevole nemico, la cui identità e obiettivo rappresentano un vero enigma.

 

La nostra recensione

 

Sono trascorsi ben 14 anni dall’originale Gli Incredibili e nelle sale arriva l’atteso e più volte rinviato sequel Gli Incredibili 2. Il film prosegue la storia dall’esatto punto in cui terminava l’originale, ma presenta una pellicola che cerca di essere attuale tratteggiando una dinamica familiare più moderna, con papà casalingo e mamma lavoratrice, una nuova minacciosa nemesi, una cricca di bizzarri supereroi che ci hanno ricordato i vigilanti di Kick-Ass e i mutanti della X-Force di Deadpool 2, e naturalmente la consueta pletora di strizzatine d’occhio al mondo dei fumetti e non solo.

L’originale “Gli Incredibili” presentava una commistione “supereroi con superproblemi” tanto cara alla Marvel applicata in ambito familiare e con dinamiche tipiche della commedia. La super-famiglia Parr rispecchiava totalmente il concetto di famiglia tanto caro alla Disney, infatti più aumentano le difficoltà e i pericoli, tanto più la famiglia si avvicina e si fortifica proteggendosi, diventando un tutt’uno e superando al contempo i problemi generazionali che ne minano la stabilità.

“Gli Incredibili 2” sin dal suo incipit si presenta come un film più cupo rispetto all’originale, con un approccio più adulto nel narrare le difficoltà della famiglia Parr, esplorate in una dimensione meno domestica, ma sempre attento a fornire prontamente esilaranti gag quando il tono si fa troppo serioso e si rischia di sconfinare nel dramma. Questa differenza di approccio non mina la capacità di coinvolgimento grazie alle strepitose scene d’azione e all’empatia scaturita dalle intriganti caratterizzazioni dei personaggi, tra l’altro doppiati benissimo tanto da non far rimpiangere la versione originale.

Uno dei punti di forza del film appaiono da subito tutte le caratterizzazioni femminili, su tutte Evelyn Deavor doppiata in originale da Catherine Keener e in italiano da Ambra Angiolini. Il regista Brad Bird sembra aver epressamente scelto di dare a “Gli Incredibili 2” una prospettiva tutta al femminile, tanto che il comparto maschile viene messo un po’ da parte, escluso il piccolo Jack-Jack, per dare ampio spazio al cast femminile che include: una scatenata Helen / Elastigirl, una mamma a tempo pieno che riprende in mano la sua indipendenza; l’adolescente Violetta che si strugge per amore goffamente supportata da un esausto papà Bob; l’ambigua Evelyn Deavor, genio dell’elettronica stanca di vivere all’ombra di un fratello dal comportamento infantile; l’ammiccante Ambasciatrice pronta a supportare la legalizzazione dei supereroi (doppiata da Isabella Rossellini sia in originale che in italiano), la supereroina Voyd (doppiata dalla schermitrice Beatrice Vio) tanto entusiata quanto adorabilmente impacciata e naturalmente l’immancabile stilista Edna, personaggio ormai di culto caratterizzato dall’inconfondibile voce di Amanda Lear.

Se nell’originale musiche, battute e inquadrature erano un festoso inno citazionista, da James Bond a I Fantastici Quattro, saccheggiando cinquant’anni di mitologia supereroistica, in questo sequel non si raggiungono quelle vette, ma si riesce comunque ad eguagliare la formula che ha reso il film originale una delle migliori commedie d’animazione di sempre.

“Gli Incredibili 2” non arriva immediato e travolgente come l’originale poiché meno spensierato, ma una volta metabolizzato il cambio di rotta non si potrà non apprezzare il grande lavoro fatto in fase di sceneggiatura. Se vi state domandando se 14 anni di attesa ne sono valsi la pena, la nostra risposta è assolutamente si.

 

Data di Uscita: Al cinema dal 19 Settembre 2018

 

Curiosità

  • Spettacoli televisivi degli anni ’60 come The Outer Limits (1963) e Jonny Quest (1964) possono essere visti sulla televisione della famiglia Parr e confermano l’arco temporale del film collocandolo alla fine del 1964.
  • Quando la DEVTech viene svelata per la prima volta sullo schermo, il cielo sembra simile a come viene ritratto il cielo di Gotham e mostrato nella maggior parte dei moderni film di Batman, e se si guarda a sinistra della torre più alta, si può vedere un debole bat-segnale formato dalle nuvole .
  • E’ la prima volta in un film di animazione Pixar che un protagonista è visto usare una pistola (Elastigirl ne usa una per sparare alla serratura di una porta).
  • Un’insegna al neon può essere brevemente intravista nel film che ricorda il logo della serie televisiva Jonny Quest (1964) che il regista Brad Bird ha definito come una importante fonte d’ispirazione per il mondo creato per Gli Incredibili – Una normale famiglia di supereroi (2004). Alcune clip della serie tv compaiono anche in televisione durante il film.
  • Il “Safari Court” in cui la famiglia Parr vive durante l’incipit del film è modellato sul “Safari Inn”, un venerabile motel (e frequente luogo di riprese) che si trova a pochi isolati dalla sede ufficiale della Walt Disney Company a Burbank, in California .
  • Gli incredibili 2 è il quarto film della Pixar ad avere una protagonista femminile dopo Ribelle: The Brave (2012), Inside Out (2015) e Alla ricerca di Dory (2016).
  • L’idea di avere Jack-Jack che combatte un procione con i suoi superpoteri era originariamente stata lanciata da Teddy Newton per il film originale. Fu lasciata cadere perché non c’era spazio, ma il regista Brad Bird amava così tanto l’idea che ha deciso di usarla nel secondo film.
  • Creare “Reflux” è stata una grande sfida finché gli artisti non si sono rivolti alle rane per trarne ispirazione. Secondo l’art director Matt Notle, l’idea di una rana ha reso il personaggio attraente e divertente, anche se il suo superpotere appare inizialmente repellente. Sebbene Reflux rilasci lava bollente, il suo nome era originariamente “GERD” (Gastro-Esophageal Reflux Disease) che è il termine tecnico per il reflusso acido e la patologia da reflusso gastro-esofageo (MRGE).
  • Evelyn Deavor ha un aspetto molto simile a quello di Roxanne Ritchie del film di animazione DreamWorks Megamind (2010), un altro film di supereroi in CG.
  • I supereroi giapponesi durante il culmine del film sono un cenno all’anime Gatchaman.
  • Voyd è in qualche modo simile al personaggio di Blink del fumetto “The Uncanny X-Men” ed è doppiata nell’edizione italiana da Bebe Vio, la schermitrice italiana, campionessa paralimpica, mondiale ed europea, di fioretto individuale.
  • Quando Edna mette Jack-Jack nella camera per i test per mostrare a Bob come funziona il costume che ha disegnato per lui, accenna al fatto che Mozart stimola i suoi poteri. Questo è un accenno al corto Jack-Jack Attack (2005) della Pixar in cui la baby-sitter Kari si prende cura di Jack-Jack mentre la famiglia Parr si trova sull’isola di Nonceunànima in Gli Incredibili – Una normale famiglia di supereroi (2004). Kari suona Mozart per Jack-Jack e innesca istantaneamente e per la prima volta i suoi poteri.
  • In totale il piccolo Jack-Jack dispone di ben 17 diversi superpoteri:

Moltiplicazione: Jack-Jack può fare più copie di se stesso.
Trasformazione in demone: Jack-Jack si trasforma in una creatura viola dall’aspetto demoniaco. Questo potere sembra essere attivato quando si arrabbia, specialmente quando non riceve un biscotto. Jack-Jack ha anche usato questo potere in Gli Incredibili – Una normale famiglia di supereroi (2004).
Fuoco: Jack-Jack prende fuoco come la “Torcia Umana” e tutto ciò che tocca prende istantaneamente fuoco. Potere visto anche in Gli Incredibili – Una normale famiglia di supereroi (2004).
Occhi laser: raggi laser verdi fuoriescono dagli occhi di Jack-Jack. I laser possono essere raggi fissi, oppure può sparare a impulsi.
Crescita: Jack-Jack cresce di molti metri diventando più alto, ma anche più grasso.
Teletrasporto interdimensionale: Jack-Jack può attraversare diverse dimensioni. Quando è nelle altre dimensioni, le persone possono ancora udirne la voce.
Funzione copia [metamorfosi]: pochi minuti dopo aver incontrato Edna, Jack-Jack trasforma i suoi lineamenti del viso dandogli un aspetto simile a Edna, riuscendo persino a replicare i suoi capelli.
Super-forza: Jack-Jack si divincola e prende a calci un procione attraverso il suo giardino come dimostrazione della sua forza. Lancia anche alcune sedie da giardino con una mano sola come se fossero piccoli giocattoli.
Invulnerabilità: nonostante lo scontro di diversi minuti con un procione che ha artigli affilati come rasoi, Jack-Jack non riporta alcun graffio.
Levitazione: Jack-Jack può sembrare apparentemente senza peso e galleggia in modo incontrollabile. Non è proprio volare, è più semplicemente un galleggiare a gravità zero.
Telecinesi: In almeno due occasioni Jack-Jack dimostra una limitata capacità telecinetica: una volta quando combatte con il procione e una volta sulla nave quando prende gli occhiali di Elastigirl senza toccarli.
Volo da starnuto: almeno due volte, la forza dello starnuto di Jack-Jack lo spinge in aria come un razzo. Fortunatamente di solito usa la sua abilità di passare attraverso gli oggetti solidi prima di schiantarsi su qualche muro.
Emissione di elettricità: si verifica solo una volta nel film, quando Robert Parr scopre che Jack-Jack ha superpoteri in seguito alla battaglia di suo figlio con il procione.
Attraversare muri (e vetri): non è chiaro se Jack-Jack diventi intangibile per passare attraverso i muri, o se cambi le proprietà fisiche del muro in modo che possa attraversarlo.
Trasformarsi in piombo: Jack-Jack usa questo superpotere solo nella sua battaglia con Sindrome alla fine di Gli Incredibili – Una normale famiglia di supereroi (si noti che quando si è trasformato in forma metallica, lui e Sindrome sono precipitati all’improvviso, indicando un peso improvviso ed estremo). Non lo usa mai nel sequel, tuttavia si presume che conservi ancora questo superpotere.
Blobbing: Durante il combattimento con il procione, Jack-Jack si trasforma in un blob informe e gelatinoso che è difficile da combattere per l’animale.
Mimetismo: dopo aver trascorso alcuni giorni in modalità Edna, Jack-Jack può imitare con precisione la camminata e le espressioni facciali. Questo potere è diverso dal suo potere di metamorfosi.

  • La casa prestata al Parr, si dice fosse di proprietà di un eccentrico miliardario che non amava essere visto andare e venire, e ha molti ingressi / uscite segrete. Questo è un cenno a Batman, e forse un suggerimento ad un eroe simile a Batman esistente nell’universo degli Incredibili.
  • Durante due scene di Elastigirl, la vediamo imitare i trucchi usati nel film I Fantastici 4 (2005). La prima volta aprendo le serrature dell’appartamento del nascondiglio dell’Ipnotizzaschermi passando la mano sotto la porta. La seconda volta quando l’Ipnotizzaschermi ha intrappolato ElasticGirl in una camera dove ha congelato i suoi poteri “gommosi”, minacciando di “romperla” in mille pezzi.
  • I membri della famiglia degli Incredibili mostrano diversi superpoteri simili ai Fantastici Quattro di Marvel: Bob ha un’enorme forza come la Cosa; Helen è elastica come Mr Fantastic; Violet può diventare invisibile come la Donna Invisibile, e Jack-Jack può prednere fuoco come la Torcia Umana (Dash è un’eccezione poiché mostra una velocità incredibile come il Quicksilver di X-Men). Anche molti degli altri supereroi visti più avanti nel film mostrano poteri descritti nei fumetti Marvel: Krushauer deforma il metallo come il Magneto di  X-Men; He-lectrix può scaricare elettricità, come Electro di Spider-Man; Brick è una forza inarrestabile che assomiglia a Fenomeno di X-Men; Screech – L’uomo Civetta possiede uno stridio acuto simile all’urlo della Banshee di X-Men, e Voyd può creare portali dimensionali come il Doctor Strange della Marvel.
  • Le musiche originali de Gli Incredibili 2 sono dell’americano Michael Giacchino che oltre ad aver musicato l’originale Gli Incredibili ha scritto colonne sonore anche per Cars 2, Inside Out, Zootropolis, Coco, Ratatouille e Up (che gli è valso un Premio Oscar).
  • Gli Incredibili 2 costato 200 milioni di dollari, ha incassato nel mondo 1 miliardo e 184 milioni.

 

 

 


Condividi

1 comment on “Gli Incredibili 2: recensione e curiosità del sequel d’animazione Disney-Pixar

  1. Pingback: Pixar 30 anni di animazione: dal 9 ottobre 2018 al 20 gennaio 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *