Florence Korea Film Fest 2018: a Firenze il meglio del cinema sudcoreano dal 22 al 30 marzo

Condividi

Dal 22 al 30 torna a Firenze torna il meglio della cinematografia sudcoreana con la sedicesima edizione del Florence Korea Film Fest. L’evento si terrà presso il cinema La Compagnia di Firenze (via C. Cavour, 50/R) e presenterà un programma con oltre 40 titoli tra corti e lungometraggi, la maggior parte in anteprima italiana ed europea.

Ospite speciale del festival l’attore Ha Jung-woo che sabato 24 marzo presenterà in prima europea il fantasy Along with the Gods: The Two Worlds, l’ultima pellicola diretta da Kim Yong-hwa di cui è protagonista. Stella del cinema coreano della sua generazione, Ha Jung-woo ha messo in mostra la sua versatilità in vari generi cinematografici, interpretando oltre 40 pellicole e recitando per cineasti come Kim Ki-duk (“Time”, “Breath”), Kim Seung-hoon (“Tunnel”) e Park Chan-wook (“The Handmaiden”). L’artista presenzierà al festival insieme al produttore Won Dong-Yeon e al regista Kim Yong-hwa.

“Along with the Gods: The Two Worlds” è  la storia di un vigile del fuoco che perde prematuramente la vita mentre sta salvando una bambina; ad attenderlo, alle soglie della sua nuova dimensione tre guardiani che lo traghetteranno all’interno di un viaggio lungo 49 giorni, di cui solo alla fine conoscerà il suo destino nell’aldilà.

Il regista Ha Jung-woo sarà inoltre omaggiato di una retrospettiva di 7 titoli dedicata al suo percorso artistico, dal sentimentale Time del regista Kim Ki-duk (2006), passando per il thriller basato sulla storia vera di un serial killer in The Chaser di Na Hong-jin (2008), fino al più recente Agassi / The Handmaiden (2016) del regista Park Chan-wook, pellicola thriller-erotica ambientata nella Corea del Sud degli anni ’30.

Il 16/mo Florence Korea Film Fest presenterà quest’anno oltre 40 titoli tra corti e lungometraggi, la maggior parte in prima e 4 sezioni tematiche: Orizzonti Coreani, dedicata ai grandi nomi del cinema del paese, con titoli campioni d’incassi in patria e premiati nei festival di tutto il mondo; Independent Korea, sezione che ospita lavori di giovani e talentuosi registi esterni alla grande distribuzione, con tre film che indagano la figura femminile e il tema della solitudine; la Notte Horror, consueto appuntamento per gli amanti del genere; Corto, Corti, spazio dedicato ai cortometraggi.

Tra le novità della 16esima edizione del Florence Korea Film Fest il focus K-South North, 6 pellicole che, attraverso diversi generi esplorano il difficile rapporto tra Corea del Sud e Corea del Nord, con opere che spaziano dal documentario al dramma sportivo fino alla commedia: dalla docu-fiction Ryeohaeng, firmata dal regista Im Heung Soon che, tramite le interviste fatte a dieci donne si interroga sulla condizione femminile e racconta le storie di alcune rifugiate nella società Sud Coreana dopo essere fuggite dalla Corea del Nord, fino all’action-comedy campione di incassi al botteghino Confidential Assignment di Kim Sung-hoon, premiato come Miglior Regista ai Brilliant Korean Film Star Award.

Da segnalare anche la prima europea di The Fortress, la pellicola storica ambientata nel 1636 durante la Seconda invasione Manciù della Corea che aprirà la kermesse alla presenza del regista Hwang Dong-hyuk; candidato a rappresentare la Corea del Sud nella selezione delle nomination per l’Oscar al Miglior film in lingua straniera è poi il drammatico tratto da una storia vera A Taxi Driver del regista Jang Hun sull’amicizia tra un tassista coreano e un reporter tedesco coinvolti nelle rivolte studentesche di Gwangju nella primavera del 1980. Per l’importanza dei temi trattati, il film ha ricevuto il plauso del Presidente della Corea del Sud Moon Jae-in; e ancora l’action movie The Villainess, presentato al festival di Cannes nella sezione Midnight Screenings con al centro una forte protagonista femminile, e il mistery-drama che ha aperto lo scorso anno la 22° edizione del Busan International Film Festival Glass Garden su una ricercatrice che studia la fotosintesi umana, saranno introdotti al pubblico rispettivamente dai registi Jung Byung-gil e Shin Su-won. Chiusura con il film ha partecipato lo scorso anno all’apertura della 21a edizione del Bucheon International Fantastic Film Festival, la prima europea di Room No.7, commedia nera che gioca con esilaranti gag unite abilmente alla suspance di un thriller confezionata del regista Lee Yong-seung, che sarà presente in sala.

Il Florence Korea Film Fest, ideato e diretto da Riccardo Gelli dell’associazione Taegukgi – Toscana Korea Association, inaugura la settima edizione della Primavera Orientale, iniziativa che celebra il cinema d’Oriente organizzata da Quelli della Compagnia di Fondazione Sistema Toscana.


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *