Escape Plan 2 – Ritorno all’Inferno: recensione e curiosità del film con Sylvester Stallone

Condividi

Ha debuttato nei cinema italiani Escape Plan 2 – Ritorno all’inferno (Escape Plan 2: Hades). Leggi la recensione del sequel d’azione diretto da Steven C. Miller e interpretato da Sylvester Stallone, Dave Bautista, Huang Xiaoming, Jaime King e 50 Cent.

Cast e personaggi

Sylvester Stallone: Ray Breslin
Dave Bautista: Trent DeRosa
Huang Xiaoming: Shu Ren
Jaime King: Abigail Ross
50 Cent: Hush
Jesse Metcalfe: Luke Walken
Wes Chatham: Jaspar Kimbral
Titus Welliver: Gregor Faust
Shea Buckner: Larry
Lydia Hull: Jules
Chen Tang: Yusheng
Tyron Woodley: Akala
Pete Wentz: Bug
Ming Xi: Qin Fan
Yifan Luo: Red
Vincent Young: Curly

 

La trama

 

Anni dopo essere riuscito a trovare la via di fuga dal carcere di massima sicurezza soprannominato “La Tomba”, Ray Breslin (Sylvester Stallone) è alla guida di una nuova squadra di esperti di sicurezza di alto livello. Quando Shu (Huang Xiaoming), maestro di wing chun e membro della squadra, viene rapito e imprigionato all’interno di Ade, una labirintica prigione computerizzata dove gli uomini devono lottare come animali per sopravvivere, Breslin è costretto ad intervenire per salvare il suo amico.

 

Il nostro commento

 

Dopo Escape Plan – Fuga dall’inferno, un divertente prison-movie d’azione che ha visto riuniti le icone action Sylvester Stallone e Arnold Schwarzenegger, arriva nei cinema italiani Escape Plan 2 – Ritorno all’Inferno, sequel con digressione fantascientifica, senza Schwarzenegger e con Stallone in un ruolo di supporto che diventa un vero e proprio “specchietto per le allodole” per un sequel che definire deludente è un eufemismo.

“Escape Plan 2” è una co-produzione Cina, Stati Uniti e Regno Unito che promette Sylvester Stallone e ci propina invece come vero protagonista del film l’attore, cantante e modello cinese Huang Xiaoming, visto in The Sniper di Ringo Lam e nel sequel Ip Man 2. Xiaoming pecca in carisma e risulta assolutamente inadeguato come eroe di un film d’azione, e il fatto che l’attore risulti il vero protagonista di “Escape Plan 2”, rispetto ad uno Stallone latitante, affossa definitivamente un sequel già debole nel suo impianto fondamentalmente ingannevole.

Anche se comprendiamo la necessità di “riempire” la programmazione estiva, “Escape Plan 2” è girato alla stregua di un direct-to-video di Steven Seagal e come tale doveva essere distribuito. Siamo di fronte ad un film inadeguato, limitato nell’ambientazione e con attori piazzati un po’ a casaccio sullo schermo. Oltre ad uno Stallone “latitante” per quasi l’intero film, nel cast troviamo anche Dave Bautista, il Drax di Guardiani della Galassia, reclutato come altro specchietto per le allodole, idem per 50 Cent infilato in una manciata di scene per rendere credibile il fatto che si sta guardando un sequel dell’originale Escape Plan.

“Escape Plan 2” è girato da Steven C. Miller, regista con un talento per il cinema di genere e produzioni low-budget, vedi lo zombie-movie Automaton Transfusion, il remake Silent Night, il thriller The Aggression Scale e l’horror Under the Bed. Miller mette insieme come può quelli che sono in realtà due film distinti: uno girato nella prigione hi-tech e creato per il mercato cinese e un altro che include sequenze montate con Stallone e il cast statunitense che sembrano parte di un altro film, che servono evidentemente ad attirare un pubblico internazionale.

Era dai tempi di The Enemy, un direct-to-video coreano del 2004 che spacciava Steven Seagal come protagonista, che non assistevamo ad un film così sfacciatamente fuorviante. Utilizzare nomi altisonanti nella promozione, in realtà poi latitanti nel film vero e proprio, è pratica di alcune produzioni per l’home-video, e non ci sembra il caso di portare questa pratica poco apprezzabile anche sul grande schermo. A questo proposito ricordiamo che “Escape Plan 2” negli Stati Uniti ha fruito di una più adeguata distribuzione direct-to-video. Concludiamo con un’avvertenza: è in arrivo un Escape Plane 3 con il ritorno di Stallone, Bautista e 50 Cent, quindi spettatore avvisato…

Data di Uscita: Al cinema dal 22 agosto 2018

 

Curiosità

  • La pellicola è il sequel del film del 2013 Escape Plan – Fuga dall’inferno.
  • Escape Plane 2 è uscito negli States direttamente in home-video, mentre in Cina, Russia e Italia ha fruito di una ditribuzione nelle sale.
  • Il film è stato girato in 20 giorni.
  • Nonostante sia l’attore più pagato del cast, Sylvester Stallone appare nel film per un totale di 15 minuti.
  • Sylvester Stallone e 50 Cent sono gli unici attori di ritorno dal film originale.
  • Sylvester Stallone e Dave Bautista hanno recitato insieme anche in Guardiani della Galassia Vol. 2.
  • Nel film, in un ruolo imprecisato, appare anche l’attuale campione dei pesi welter UFC Tyron Woodley.
  • Amy Ryan, che ha interpretato Abigail nel film precedente, è stata sostituita da Jaime King nel sequel.
  • L’attore cinese Xiaoming Huang sulle scene di combattimento in Escape Plan 2: “Le scene d’azione sono molto più intense e sono state una grande sfida. Nel film c’è poi una sola scena in cui faccio Wing Chun [uno stile di Kung Fu tradizionale che consiste in un combattimento a distanza ravvicinata. Mi sono allenato molto per questa scena, perché è uno stile di combattimento più veloce, ed è necessario fare attenzione e prendere precauzioni. Ho cercato di usare tutto il tempo che avevo per allenarmi e superare i miei limiti, impegnandomi per arrivare alla miglior interpretazione possibile”.
  • Il regista Steven C. Miller sul film: “Mi è piaciuto molto il primo Escape Plan. L’ho visto come un richiamo ai film d’azione degli anni Novanta di cui sono un grande fan. Quando i produttori mi hanno chiesto se volevo fare il sequel, ho pensato che il primo era un film anni Novanta e quindi questa volta volevo fare qualcosa di più contemporaneo. Pensavo che il primo Escape Plan fosse così luminoso di proposito. La storia del sequel è molto più cupa e questa tavolozza visiva sembrava la strada giusta. Un’immagine più scura sembra più realistica, ed è comunque lo stile che preferisco”.
  • E’ stato già annunciato un terzo film, Sylvester Stallone, Dave Bautista e 50 Cent torneranno per Escape Plan 3: Devil’s Station.
  • Il film ha fruito di un budget di 20 milioni di dollari.

 

 


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *