Carrie Fisher vince un Grammy postumo per il libro di memorie “The Princess Diarist”

Condividi

 

Carrie Fisher ha vinto un Grammy postumo per il suo libro di memorie The Princess Diarist. La Fisher ha vinto il premio nella categoria per il Miglior Album Parlato (Best Spoken Word Album) e segna il suo primo Grammy in assoluto. L’attrice stava promuovendo il libro quando è scomparsa tragicamente alla fine del 2016 prima dell’uscita di Star Wars: Gli Ultimi Jedi.

The Princess Diarist, letto da Carrie Fisher, ha battuto “Astrophysics For People In A Hurry” di Neil deGrasse Tyson, “Born To Run” di Bruce Springsteen, “Confessions Of A Serial Songwriter” di Shelly Peiken, “Our Revolution: A Future to Believe” di Bernie Sanders e Mark Ruffalo. Il libro è il risultato di alcune annotazioni su un diario che la Fisher ha scoperto anni dopo le riprese dello Star Wars del 1977, appunti e pensieri che l’attrice ha scritto durante la produzione di “Una nuova speranza”. Sua figlia, Billie Lourd, ha utilizzato Instagram per congratularsi con sua madre e condividere i suoi pensieri sul libro vincitore del Grammy.

Princess Diarist è stata l’ultima cosa che io e mia madre abbiamo avuto modo di fare insieme. Vorrei che fosse qui per portarmi sul red carpet in uno dei suo bizzarri completi floreali, ma invece celebreremo in vero stile Carrie: a letto al calduccio di fronte alla TV con Coca-Cola ghiacciata e sigarette. Sono molto più che orgogliosa.

Il ruolo della Principessa Leia in Star Wars: Una nuova speranza ha di fatto trasformato Carrie Fisher in una superstar. La Fisher ha avuto una carriera prospera anche al di fuori del franchise di Star Wars, in gran parte come consulente per sceneggiature, mettendo a punto sceneggiature per anni dietro le quinte di Hollywood. Ha anche fatto un po’ di doppiaggio come la voce di Angela nella serie tv I Griffin. Questo libro offre uno sguardo intimo sulla sua vita dell’attrice mentre realizzava Star Wars, oltre che sulla sua vita di icona di Hollywood e figlia di Debbie Reynolds.

La sinossi di The Princess Diarist:

Con questi estratti dai suoi quaderni scritti a mano, The Princess Diarist è il racconto intimo e rivelatore della Fisher su ciò che è accaduto su uno dei set cinematografici più famosi di tutti i tempi, e di ciò che si è sviluppato dietro le quinte. La Fisher riflette sulle gioie e la pazzia della celebrità, e l’assurdità di una vita generata dalla nobiltà di Hollywood, solo per essere superata dalla sua stessa nobiltà spaziale. Ridendo di gusto e nel suo modo inconfondibile, The Princess Diarist si mostra con il candore e l’introspezione di un diario mentre offre una scaltra comprensione sul tipo di celebrità che pochi avranno mai la possibilità di sperimentare.

 

L’attrice in The Princess Diarist ha rivelato anche una storia d’amore con Harrison Ford durata tre mesi e che si è consumata durante le riprese del primo Star Wars, Ford all’epoca era sposato con Mary Marquard.

Le parole di Carrie Fisher su questa storia d’amore che non ha mai voluto confermare in oltre 40 anni. All’epoca l’attrice scriveva nelle pagine del suo diario di come sperasse che Ford le chiedesse di sposarla e le desse un anello d’oro con inciso “Carrison”.

E’ stato così intenso. Era Han e Leia durante la settimana e Carrie e Harrison durante il weekend.

La Fisher nel libro racconta che lei e Ford trascorsero la loro prima notte insieme dopo aver partecipato ad una festa di compleanno organizzata per il regista George Lucas.

Ho guardato Harrison e il suo volto da eroe…una ciocca di capelli è caduta sopra la sua nobile fronte leggermente corrucciata. Cosa potevo chiedere di più che piacere ad un tale brillante pezzo d’uomo? Ero così inesperta, ma mi sono fidata di lui. Era dolce.

Abbiamo purtroppo perso Carrie Fisher all’età di 60 anni nel dicembre del 2016. Ha subito un attacco cardiaco su un volo da Londra a Los Angeles. Aveva già finito di girare il suo ruolo per Star Wars: Gli Ultimi Jedi e purtroppo non apparirà in Star Wars 9, come confermato da Lucasfilm che non intende utilizzare CG e motion-capture per riportare sullo schermo l’iconica Principessa Leia.

 

 

 

Fonte: Movieweb

 


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *