Aquaman: curiosità e recensione del film DC con Jason Momoa

Condividi

Leggi la recensione di Aquaman, film d’azione con supereroi diretto da James Wan (L’evocazione, Fast & Furious 7), scritto da Will Beall e David Leslie Johnson-McGoldrick e interpretato da Jason Momoa, Amber Heard, Willem Dafoe, Nicole Kidman, Patrick Wilson e Dolph Lundgren.

 

 

                                                                                          [Per visionare il trailer clicca sull’immagine in alto]

 

Cast e personaggi

Jason Momoa: Arthur Curry / Aquaman
Amber Heard: principessa Mera
Willem Dafoe: Nuidis Vulko
Yahya Abdul-Mateen II: David Hyde / Black Manta
Temuera Morrison: Thomas Curry
Nicole Kidman: regina Atlanna
Patrick Wilson: re Orm / Ocean Master
Dolph Lundgren: re Nereus
Otis Dhanji: Arthur Curry da bambino
Ludi Lin: Murk
Michael Beach: Jesse Kane
Randall Park: dott. Stephen Shin
Djimon Hounsou: re dei pescatori
Graham McTavish: Atlan

 

La trama

 

“Aquaman” racconta la storia delle origini del mezzo umano e mezzo atlantideo Arthur Curry (Jasono Momoa) e lo accompagna nel viaggio della sua vita, che non solo lo costringerà ad affrontare chi è veramente, ma anche a scoprire se è degno di essere ciò per cui è nato…un re.

 

La nostra recensione

 

E’ arrivato nei cinema italiani il primo film in solitaria per l’Aquaman di Jason Momoa, il cui compito era risollevare le sorti dell’Universo Esteso DC, replicando il successo del film di Wonder Woman e al contempo far dimenticare i deludenti incassi di Justice League. Già in prima battuta possiamo affermare che l’obiettivo è stato pienamente raggiunto, almeno dal punto di vista degli incassi che hanno superato quelli del film in solitaria della supereroina DC di Gal Gadot.

Il percorso dell’Universo Esteso DC è stato a dir poco travagliato e contrassegnato sin dagli esordi da polemiche e stroncature della critica spesso esagerate e fuori luogo. Dopo L’uomo d’acciaio che ha tecnicamente aperto le danze come primo film ufficiale dell’UEDC sono usciti nell’ordine: il vituperato Batman v Superman, il sottovalutato Suicide Squad, il divertente Justice League e l’ottimo Wonder Woman.

Dopo un cameo in “Batman v Superman” e un ruolo da co-protagonista in “Justice League”, l’Arthur Curry di Jason Momoa, meglio noto come Aquaman aka il Protettore degli oceani, sbarca in sala con il suo primo film in solitaria e su schermo sono botte da orbi ed effetti speciali da urlo.

“Aquaman” dal punto di vista estetico è un vero gioiellino, l’utilizzo del digitale e la regia iperdinamica di James Wan forniscono una confezione da popcorn-movie all’ennesima potenza, con scene d’azione mozzafiato e una rappresentazione di Atlantide e del mondo sommerso che raggiungono vette di rara immersività che ci hanno ricordato l’Avatar di James Cameron.

La prima parte di Aquaman è impeccabile, c’è un racconto di origine con la storia d’amore tra il guardiano del faro Thomas Curry (Temuera Morrison) e la sirena guerriera Atlanna (Nicole Kidman), nascita e infanzia dell’Arthur di Jason Momoa, un primo sguardo al regno di Atlantide e l’introduzione dei due antagonisti del film: l’infido re Orm (Patrick Wilson) fratellastro di Arthur e il pirata David Hyde (Yahya Abdul-Mateen II) che diventerà l’arcinemico di Aquaman noto come Black Manta.

E’ la seconda parte del film che comincia a mostrare evidenti fragilità nella sceneggiatura, che non riesce a fornire coesione alla trama che alterna momenti di azione frenetica a veri e propri “siparietti” comici tanto ammicanti da risultare stridenti, arrivando a danneggiare il lato “epico” della storia, quello che ammicca alla mitologia sottomarina e che avremmo preferito prevalesse in una trama che, tolta la digressione fantasy, si può paragonare per intenti e ritmo all’originale Iron Man, film d’esordio dell’Universo Cinematografico Marvel.

James Wan che ci ha regalato nuovi classici horror come The Conjuring e Insidious e ha diretto il testosteronico Fast & Furious 7 ce la mette davvero tutta per rendere la messinscena irresistibile e fare di “Aquaman” un film “per tutti”. Abbiamo il nerboruto Momoa che picchia come un fabbro e ci scherza sopra com Bud Spencer, ci sono sequenze di battaglia che rievocano Il Signore degli Anelli, inseguimenti mozzafiato sui tetti che strizzano l’occhio a Fast & Furiuosu 5, mostri marini di ogni foggia e una scena con l’iconico tridente che sembra uscita direttamente da La spada nella roccia. Sin qui tutto bene, se non fosse che ci ritroviamo anche stavolta di fronte all’ennesimo tentativo di fare il verso ai film Marvel inseguendo quella incomprensibile e innaturale richiesta di alcuni fan, e della critica tutta, di snaturare l’UEDC e renderlo meno cupo e più ironico. Su schermo spuntano così scene che sembrano parodiare il film nel film e che includono: una piovra batterista, letali guerrieri atlantidei che finiscono con la testa nel water, smielate scene in Sicilia con Mera e Aquaman che mangiano (letteralmente) un mazzo di rose rosse in una imbarazzante ed edulcorata cornice da commedia romantica. Il film finisce così per perdere pezzi lungo la strada, incluso il deludente villain Black Manta. Trattasi di piccole e stridenti incrinature travestite da “gag” che tutte insieme finiscono per indebolire l’intera solida struttura di un film nel complesso divertente, che non meritava di essere sbertucciato per correre dietro ad uno stile, quello di casa Marvel, che potrebbe funzionare con film come l’imminente Shazam!, ma che in questo caso rischia di diventare un grosso tallone d’Achille per gli spettatori “over 13” che cercano in “Aquaman” un fantasy per adulti e non un film d’azione per ragazzi.

Fortuna ha voluto che un Jason Moma simpatico e credibile, un cast di supporto di gran pregio, una regia galvanizzata e un impatto visivo strepitoso alla fine rendano “Aquaman” un film godibile nel suo complesso, ma resta quell’amaro in bocca per non aver sfruttato adeguatamente la vena horror di James Wan che avrebbe reso il film più dark e il racconto più corposo e meno “easy”.

 

Curiosità

  • Jason Momoa ha chiesto espressamente di Temuera Morrison per il ruolo di Thomas curry, il padre di Arthur Curry. Morrison lanciato dal cult neozelandese Once Were Warriors – Una volta erano guerrieri nei panni idi Jake “la Furia” e visto nel ruolo di Jango Fett in Star Wars Episodio II – L’attacco dei cloni è uno degli idoli di Momoa.
  • Durante il duello tra Arthur e Orm, una piovra suona un assolo di batteria. Il regista James Wan ha rivelato che quella piovra è Topo, la piovra che faceva da spalla ad Aquaman negli anni ’50 e ’60. Wan all’inizio non era sicuro di voler inserire Topo nel film, ma è stato ispirato a farlo dopo aver visto Mad Max: Fury Road: “Se quel film può avere un tizio che suona una chitarra fiammeggiante, avrò una piovra batterista nel mio”.
  • Nicole Kidman ha immediatamente accettato il ruolo di Atlanna quando il regista James Wan ha detto che poteva indossare “Madreperla ed essere una sirena guerriera”.
  • Jason Momoa ha ammesso di aver fatto scherzi a tutti i suoi colleghi membri del cast durante le riprese, ad eccezione di Nicole Kidman.
  • Durante l’incontro di Arthur con Vulko, la bambola di Annabelle dei film horror della serie “The Conjuring” del regista James Wan può essere vista sul fondo dell’oceano.
  • Quando Atlanna lancia il suo tridente contro la tv, stanno trasmettendo Stingray (1964), una serie di avventure sottomarine che presenta un antagonista che governa un regno sottomarino che vuole muovere guerra al mondo di superficie.
  • James Wan ha rivelato di aver avuto la possibilità di scegliere se dirigere un film su Flash o Aquaman, ma ha scelto Aquaman perché era il meno apprezzato dai fan dei fumetti.
  • Nicole Kidman è stata la prima scelta del regista James Wan per il ruolo di Atlanna. I due in precedenza dovevano lavorare insieme su un remake dell’horror colombiano Al final del espectro (2006), ma il film venne accantonato. Kidman è da lungo tempo una sostenitrice della carriera di Wan e ha pubblicamente elogiato i suoi film Insidious (2010) e L’evocazione – The Conjuring (2013) definendo il regista come un “Maestro del new horror”. Era anche desiderosa di unirsi al film quando ha saputo che le riprese si sarebbero svolte nel suo paese d’origine, l’Australia.
  • Nel film i tridenti sono usati solo da atlantidei di sangue reale: Re Atlan, Atlanna, Orm e Arthur. Il tridente è l’arma che caratterizza il dio del mare greco Poseidone.
  • Il film è basato sul fumetto “Aquaman” del 2011 di Geoff Johns.
  • Nella casa di Thomas Curry, sul tavolo di fornte alal tv, c’è un romanzo di  H.P. Lovecraft, “L’orrore di Dunwich”. Lovecraft era un pioniere della letteratura horror, i cui romanzi di Ctulhu includevano uomini-pesce carnivori e creature tentacolari che abitavano le profondità dell’oceano.
  • Nicole Kidman per promuovere questo film ha partecipato al suo primo Comic-Con.
  • Il regista James Wan ha spiegato ciò che secondo lui rende unico sia “Aquaman” che la sua ambientazione atlantidea: “Siamo abituati a film di supereroi in cui la minaccia proviene da un’altra dimensione o alieni da un altro universo che vengono qui e cercano di distruggere la nostra Terra. Ma non ne abbiamo visto ancora uno in cui la minaccia principale proviene da una enorme civiltà che è proprio sotto il nostro naso, nell’oceano….L’idea che ci potrebbe essere una civiltà enorme che vive proprio sotto di noi e che non conosciamo è fonte sia di paura che di eccitazione”.
  • Nicole Kidman, che interpreta la madre di Aquaman, la regina Atlanna, aveva declinato il ruolo della regina Ippolita nel film Wonder Woman (Nei fumetti Diana Prince / Wonder Woman era alleata di Aquaman e a volte interesse amoroso).
  • Questo film ha segnato la quinta collaborazione tra il regista James Wan e l’attore Patrick Wilson (Orm), dopo Insidious (2010), L’evocazione – The Conjuring (2013), Oltre i confini del male – Insidious 2 (2013) e The Conjuring – Il caso Enfield (2016).
  • Dolph Lundgren è il primo attore a recitare sia nel televisivo “Arrowverse” che nel cinematografico “Universo Esteso DC”.
  • Aquaman è stato il terzo film non horror del regista James Wan e il suo primo film di supereroi.
  • La tribù dei pescatori è stata creata attraverso una combinazione di make-up (per la metà superiore del corpo, testa e busto) e immagini generate al computer (per la metà inferiore, le code).
  • Il re Nereus (Dolph Lundgren) e Mera (Amber Heard) appaiono come padre e figlia nel film, mentre erano estranei e promessi sposi nei fumetti della serie “New 52”.
  • Questo è il primo film dell’Universo Esteso DC girato interamente con macchine da presa digitali. Quasi tutte le puntate precedenti sono state girate esclusivamente su 35mm (con Batman v Superman: Dawn of Justice parzialmente girato in 70mm IMAX).
  • Il vero nome di Ocean Master, Orm, significa “serpente” in svedese e “verme” in danese e norvegese. Marius è anche un nome comune per i ragazzi in Norvegia.
  • Alcuni soldati di Atlantide sono visti cavalcare cavallucci marini giganti. Nella mitologia greca, il dio del mare Poseidone guida un carro trainato da cavallucci marini (noto nella mitologia greca come ippocampo).
  • Ad un certo punto, il “Death King”, un antenato di Aquaman che è stato resuscitato come uno zombie folle, doveva apparire nel film come un antagonista, ma è stato rimosso dalla sceneggiatura.
  • James Wan ha rivelato che la scena in cui Arthur e Mera escono dall’oceano in slow motion al suono della canzone “Ocean to Ocean” di Pitbull è un omaggio al precedente film di Wan, Fast & Furious 7.
  • All’inizio del film Arthur viene mostrato a torso nudo; questo era il look di Aquaman negli anni ’90.
  • Nell’ultima battaglia, Arthur ottiene il costume dorato e verde che è il costume classico di Aquaman.
  • Il primo casco indossato da David Kane / Manta è basato sul casco di Manta dei fumetti della Golden Age, che era un elmetto convenzionale con respiratore collegato.
  • Patrick Wilson descrive Orm / Ocean Master come un ecoterrorista: “Ha una chiara lamentela con il mondo di superficie, che ha inquinato i suoi oceani per secoli”.
  • Il tridente di Re Atlan ha incisa una dicitura nella lingua di Atlantide. James Wan ha rivelato che la scritta recita “Paul & Mort”, un riferimento ai creatori di Aquaman Paul Norris e Mort Weisinger.
  • La maggior parte degli attori di questo film hanno recitato come altri personaggi dei film DC / Marvel. Patrick Wilson ha recitato nel ruolo di Dan Dreiberg / Nite Owl II in Watchmen, Willem Dafoe ha interpretato Norman Osborn / Green Goblin nei film di Spider-Man di Sam Raimi, Nicole Kidman ha interpretato il ruolo della Dr. Chase Meridian in Batman Forever, Djimon Hounsou (King Ricou) era Korath nei film dei Guardiani della Galassia, Temuera Morrison (Thomas Curry) ha vestito i panni di Abin Sur nel film Lanterna Verde, Randall Park (Dr. Shin) era Jimmy Woo in Ant-Man and the Wasp, e Dolph Lundgren ha interpretato Konstantin Kovar nellr serie tv Arrow e The Punisher. Inoltre Graham McTavish, che ha interpretato Re Atlan, ha doppiato Loki nella serie animata Avengers – I più potenti eroi della Terra.
  • Nel film Aquaman è moro e Orm biondo mentre nelle versioni a fumetti DC è Aquaman adf avere i capelli biondi mentre Orm li ha scuri.
  • Thomas Curry ha un cane di razza golden retriever. Nei fumetti Aquaman e Mera hanno adottato un golden retriever che hanno soprannominato “Aquadog”.
  • David Kane (Black Manta) nel film ha un sottomarino a forma di manta proprio come nei fumetti.
  • Nonostante in questo film interpreti il fratello minore, Patrick Wilson ha 5 anni in più di Jason Momoa. Inoltre Nicole Kidman, che interpreta sua madre, ha solo 7 anni in più di Wilson.
  • Dopo essere apparso nei panni di Jimmy Woo in Ant-man and the Wasp, l’attore Randall Park appare in Aquaman come il Dr. Stephan Shin. Anche se il film prende ispirazione da fumetti della serie “New 52”, il personaggio del Dr. Shin è stato modificato per adattarsi al film.
  • Durante il film scopriamo che Aquaman non può essere danneggiato da acciaio forgiato dall’uomo, ma solo da acciaio Atlantideo. Durante il secondo scontro tra Aquaman e Black Manta, Manta pugnala con successo Aquaman con la lama appartenuta a suo nonno, lasciando intendere che il nonno di Manta aveva avuto un rapporto diretto con Atlantide.
  • Arthur e Mera nel film si nascondono nella bocca di una balena, stratagemma che Arthur dice di aver appreso da “Pinocchio”. Questo è il secondo film di supereroi che presenta un omaggio a “Pinocchio”, l’altro omaggio lo troviamo in Avengers: Age of Ultron.
  • Il film costato 160 milioni di dollari ne ha incassati nel mondo circa 866, di questi 93 milioni di dollari provenienti dalla Cina e 229 da Stati Uniti e Canada.

 

 

                                                                                             [Per guardare il video clicca sull’immagine in alto]

 

 


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *