12 Soldiers: curiosità, recensione e colonna sonora del film con Chris Hemsworth

Condividi

Leggi la recensione di 12 Soldiers (12 Strong), il film di guerra diretto da Nicolai Fuglsig, basato sul libro “Horse Soldiers” del giornalista Doug Stanton e interpretato Chris Hemsworth, Michael Shannon e Michael Peña.

Cast e personaggi

Chris Hemsworth: capitano Mitch Nelson (voce italiana di Massimiliano Manfredi)
Michael Shannon: Hal Spencer (voce italiana di Pino Insegno)
Michael Peña: sergente Sam Diller
Navid Negahban: generale Abdul Rashid Dostum
Trevante Rhodes: sergente Ben Milo
Geoff Stults: Sean Coffers
Thad Luckinbill: Vern Michaels
William Fichtner: colonnello John Mulholland
Rob Riggle: colonnello Max Bowers
Elsa Pataky: Jean Nelson
Austin Stowell: sergente Fred Falls
Ben O’Toole: Scott Black
Austin Hébert: sergente Pat Essex
Kenneth Miller: Kenny Jackson
Kenny Sheard: sergente Bill Bennett
Jack Kesy: Charles Jones
Numan Acar: Mullah Razzan
Fahim Fazli: comandante Khaled
Taylor Sheridan: Brian

 

La trama

 

L’unità speciale Alpha 595 guidata dal Capitano Mitch Nelson (Chris Hemsworth) parte volontariamente per l’Afghanistan all’indomani degli attentati dell’11 settembre. 12 uomini in missione nella terra più pericolosa del mondo devono affrontare 50,000 talebani, combattendo contro carrarmati e lanciarazzi in un territorio controllato dai fondamentalisti. Per sopravvivere una sola possibilità: vincere. Nell’inferno di una terra straniera ed ostile, una battaglia epica e spettacolare, che porterà Mitch e i suoi uomini a cambiare la storia.

 

La nostra recensione

 

E’ approdato nei cinema italiani 12 Soldiers, l’adattamento cinematografico del libro “Horse Soldiers” del giornalista Doug Stanton, basato sulla vita dell’agente CIA e militare delle forze speciali Mark Nutsch, spedito in Afghanistan per combattere i talebani e Al Qaeda dopo gli attentati dell’11 settembre 2001.

“12 Soldiers” si è rivelata una piacevolissima sorpresa, in primis per la regia del danese Nicolai Fuglsig, alla sua prima produzione hollywoodiana e al suo secondo lungometraggio. Fuglsig mette in campo la sua esperienza di fotoreporter durante la guerra del Kosovo per fornire realismo e intensità emotiva ad un solido film di guerra che presenta scene d’azione di grande impatto visivo, tra cui una carica a cavallo nella parte finale girata con sorprendente afflato epico.

“12 Soldiers” si presenta come un mix tra Lone Survivor e Code Name: Geronimo, con un Chris Hemsworth particolarmente efficace che riesce a far dimenticare per un momento l’ormai caratterizzante ruolo di Thor nei film Marvel. “12 Soldiers” però è un film che funziona a livello corale, dai compagni di squadra del protagonista Mitch Nelson ai combattenti afgani guidati dal leader Dostum, per una racconto di amicizia virile e fratellanza che si consolida sul campo di battaglia, che resta il protagonista assoluto della pellicola.

Consigliamo “12 Soldiers” a chi è in cerca un buon mix di azione ed eventi reali, poiché il film di Fuglsig si presenta come intrattenimento di alto profilo girato con intrigante piglio d’altri tempi.

 

Curiosità

  • Chris Hemsworth e Elsa Pataky interpretano una coppia nel film. I due attori sono sposati e con figli nella vita reale.
  • “Dostum”, il cognome del generale uzbeko, significa “il mio amico” in uzbeco e in molte altre lingue turche e indoeuropee.
  • Il film è basato sul libro di Doug Stanton “Horse Soldiers”, che racconta la vera storia degli agenti paramilitari della CIA e del personale delle forze speciali statunitensi, oltre ai controllori di combattimento USAF, inviati in Afghanistan subito dopo gli attacchi dell’11 settembre. Tra gli eventi trattati nel libro, ma non nel film, c’è la rivolta della prigione di Qala-i-Jangi, una delle più sanguinose battaglie del primo periodo della guerra in Afghanistan.
  • Il “fermacarte” che la soldatessa usa sulla mappa srotolata è un telefono satellitare della serie 9500 di Motorola.
  • Il regista Nicolai Fuglsig parla della missione “Task Force Dagger” che ha ispirato il film: “Erano in prima linea, i primi soldati americani sul territorio dell’Afghanistan. Quando arrivarono, si trovarono in inferiorità numerica di 5.000 a 1 rispetto ai nemici, e costantemente a rischio di cattura a causa dell’enorme taglia che i talebani avevano messo sulle loro teste. Questa piccola squadra delle Forze Speciali doveva raggiungere il Generale Abdul Rashid Dostum, leader dell’Alleanza del Nord in Afghanistan, nel tentativo di aiutarlo a riprendere il controllo della regione. È stato il primo passo della lotta americana contro i talebani e Al Qaeda dopo l’11 settembre.
  • Chris Hemsworth, che interpreta il Capitano Mitch Nelson, osserva: “Questi soldati non sono andati lì come conquistatori; erano lì per aiutare il popolo afghano che stava combattendo per la libertà. Senza molte informazioni preliminari, dovevano guadagnarsi la fiducia di Dostum e dei suoi uomini o non avrebbero mai potuto portare a termine la loro missione. Ciò che ho amato di questa storia è stata la possibilità di mostrare agli americani il lavoro che è stato fatto insieme al popolo afghano per combattere un nemico comune”.
  • Le musiche originali del film sono del compositore scozzese Lorne Balfe (Terminator Genisys, Ghost in the Shell, Il cacciatore di donne).
  • La colonna sonora include il brano “It Goes On” di Zac Brown.

 

 

 


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *